NY Times: “La Serbia è un alleato della Russia in mezzo all’Europa”

Consapevole delle gravi ferite causate dai bombardamenti NATO sulla Serbia più di 20 anni fa, l’Ambasciatore ucraino Aleksandar Aleksandrovič è apparso nella televisione serba dopo che la Russia ha invaso il suo Paese nella speranza di suscitare simpatia. Tuttavia, invece di avere il tempo di spiegare la situazione in cui si è trovata l’Ucraina, l’ambasciatore ha dovuto biasimare gli analisti filo-russi e vedere filmati che mostravano il Presidente russo Vladimir Putin dichiarare l’Ucraina un focolaio di nazisti.

Lo spettacolo, trasmesso da una emittente filogovernativa, è durato tre ore e più della metà del tempo è stato dedicato a Putin. Arrabbiato per l’imboscata in diretta, l’ambasciatore si è lamentato con la produzione per la propaganda a favore del Cremlino, ma gli è stato detto di non prenderla sul personale, poiché Putin per loro è “buono per gli ascolti”. Il fatto che il leader russo, che molti in Occidente, incluso il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, considerano un criminale di guerra, serva in Serbia come esca per lo share, ricorda che il Cremlino ha ancora dei fan in Europa, scrive il “New York Times”.

Mentre Germania, Polonia e diversi Paesi dell’UE mostrano solidarietà all’Ucraina issando le bandiere del Paese sulle loro Ambasciate a Belgrado, le altre strade vicine della capitale serba rendono omaggio a Putin. Un murale a Belgrado raffigura la figura del leader russo con scritta la parola “fratello”. Parte del fascino di Putin risiede nella sua immagine di uomo potente, un modello attraente per il Presidente serbo Aleksandar Vucic e il Premier ungherese Viktor Orban. I leader serbi e ungheresi vedono la Russia come una sorgente affidabile di energia per i loro elettori e i sondaggi d’opinione mostrano che entrambi hanno ragione.

Poi c’è la storia, o almeno la versione mitizzata del passato che, nel caso della Serbia, rappresenta la Russia, il popolo slavo e cristiano ortodosso, come un incrollabile amico e protettore dei serbi durante i secoli. Ma forse il ruolo più importante di Putin è che alcune nazioni lo vedono come un porto sicuro, la cui politica ruota attorno al culto delle vittime che sono state alimentate dal risentimento verso l’Occidente.

Arijan Djan, una psicoterapeuta di Belgrado, si è detta scioccata dalla mancanza di empatia di molti serbi verso la sofferenza degli ucraini, ma si rende conto che molti portano ancora le cicatrici e i traumi del passato che hanno cancellato ogni senso di dolore per gli altri. “Gli individui che subiscono traumi che non hanno mai affrontato non possono provare empatia”, ha detto. Le società in cui gli individui subiscono traumi e cicatrici, secondo lei, ripetono solo le stesse storie della propria sofferenza più e più volte. Una tale narrazione “cancella ogni responsabilità” per ciò che hanno fatto agli altri.

Il sentimento di vittimismo è profondamente radicato in Serbia, visti i crimini commessi da parenti etnici durante le guerre balcaniche degli anni ’90. Allo stesso modo, Putin presenta la sua invasione dell’Ucraina come un giusto sforzo per proteggere i russi etnici perseguitati, che appartengono al “mondo russo”. “Il ‘mondo russo’ di Putin è una copia esatta di ciò che i nostri nazionalisti chiamano ‘Grande Serbia’”, ha affermato il giornalista e editorialista Bosko Jaksic. Entrambi si nutrono di storie di ingiustizie passate e ricordi cancellati dei propri peccati, stima il giornalista.

La narrativa delle vittime è così forte in Serbia che l’Informer, un tabloid filogovernativo che riflette spesso i pensieri del Presidente Vučić, ha riferito il mese scorso sui preparativi russi per invadere l’Ucraina con un titolo in difesa di Mosca: “L’Ucraina sta attaccando la Russia”. Da allora, il governo serbo ha chiesto alle testate giornalistiche di prendere una posizione più neutrale, ha affermato Zoran Gavrilovic, direttore esecutivo di “Birodi”, un gruppo di monitoraggio indipendente per i media in Serbia. Sebbene la Russia non venga quasi mai criticata, le notizie sulle violenze da parte dell’Ucraina si sono placate.

Aleksandrovic, l’ambasciatore ucraino in Serbia, ha affermato di aver accolto con favore il cambiamento di tono, ma continua a lottare per far sì che i serbi guardino oltre le loro sofferenze dovute ai bombardamenti della NATO del 1999. “A causa del trauma di ciò che è accaduto 23 anni fa, per qualunque cosa accada di brutto nel mondo la colpa ricade sull’America”, ha dichiarato.

Photo credits: “EPA-EFE/ALEXEI NIKOLSKY / SPUTNIK / KREMLIN POOL, EPA-EFE/SZILARD KOSZTICSAK, EPA-EFE/RONALD WITTEK / POOL”

Njujork tajms: Srbija, ruski saveznik usred Evrope

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top