Zdravko Ponos e Vladeta Janković i candidati dell’opposizione

Il generale Zdravko Ponos ieri ha ufficialmente accettato la candidatura per la presidenza della Serbia e il professore in pensione Vladeta Janković quella a sindaco di Belgrado; sono quindi loro i candidati che l’opposizione “Ujedinjena Srbija”, con la capolista Marinika Tepic, presenterà alle prossime elezioni del 3 aprile.

“Garantisco che, in caso di vittoria a Belgrado, tutto sarà assolutamente trasparente e tutti i dettagli saranno conosciuti, ciò che è stato e non è stato ottenuto. Qualcuno dovrà pagare se ha sbagliato ma senza persecuzioni o vendette”, ha detto Vladeta Janković, che ha affermato di vedere la coalizione “Moramo” come un buon partner.

Zdravko Ponos ha affermato che gli ci è voluto del tempo per decidere, e aspettava che le parti riunite in questa alleanza si accordassero. Dice di accettare la candidatura “come gesto di responsabilità civica e dovere patriottico”. “Dopo le elezioni di aprile, la Serbia sarà un paese normale e in ordine. La Serbia, come Stato, sarà restituita al popolo e le sue istituzioni saranno restituite ai cittadini”.

Ha continuato dicendo che quello che può promettere al popolo è che rispetterà la Costituzione, dalla prima all’ultima riga, e che secondo la stessa il Presidente riflette l’unità dello Stato. “È così in ogni Paese, mentre qui l’uomo che fa quel lavoro oggi ha diviso la Serbia. Dopo le elezioni di aprile, la Serbia sarà un Paese ben organizzato, consapevole di sé e del proprio passato, ma che guarda al futuro”, ha affermato Ponos.

Alla domanda su quali saranno i primi passi della coalizione dopo le elezioni, Marinika Tepic ha detto che insisterà più che mai sul piano per il “giorno dopo”. “Devo garantire che noi quattro, Dragan Djilas, Borko Stefanovic, Dejan Bulatovic ed io, ci impegneremo a lasciare la politica se non adempiremo agli obblighi del nostro piano per “il giorno dopo” entro sei mesi. Ciò implica l’adozione di diverse leggi, sulla procura speciale anticorruzione e sulla legge di lustrazione, che impedirebbero a tutti coloro che hanno violato la legge di prendere decisioni per nostro conto”, ha affermato la Tepic.

La stessa ha concluso che si dedicherà all’istruzione, al lavoro, che ognuno di loro avrebbe fatto affidamento sulla squadra, sui migliori tra loro, e che per questo avrebbero farà affidamento sul parlamento.

Photo credits: “FACEBOOK/SSP / SCREENSHOT”

https://www.blic.rs/vesti/politika/opozicija-predstavila-kandidate-za-izbore-nosioci-lista-marinika-tepic-i-vladeta/r6pjdem

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top