Yee: la Serbia può accelerare verso l’UE

In un’intervista rilasciata all’emittente televisiva N1, Hoyt Bryan Yee, funzionario dell’amministrazione statunitense in carica per il Sud-Est Europa, ha dichiarato che la Serbia ha la capacità di accelerare il processo di integrazione nell’Unione europea e che dovrebbe decidere a che posto sedersi: Belgrado deve mostrare ancora più chiaramente ai suoi partner nell’UE il suo impegno verso l’adesione, attuando le riforme il più velocemente possibile.

Hoyt Bryan Yee aveva recentemente affermato che la Serbia sta cercando di sedersi su due sedie, innescando una serie di reazioni in Serbia. Interpellato a questo proposito, l’ospite di N1 ha affermato che gli Stati Uniti si sono impegnati a favore della Serbia verso l’integrazione europea. “Siamo considerati amici e partner della Serbia, e i veri amici e partner non sono quelli che dicono ciò che vuoi sentire, ma ciò che devi ascoltare”, ha aggiunto.

“Penso che, come amici della Serbia, dobbiamo chiarire che il paese stesso ha la capacità di accelerare il processo verso l’UE. Non è una nostra decisione, è una decisione della Serbia. Devono decidere su quale sedia vogliono sedersi, penso che debbano decidere quanto velocemente vogliono andare avanti”. Inoltre, gli Stati Uniti confidano nell’importante ruolo che la Serbia può giocare per la stabilità nella regione: su questo versante, la cooperazione della Croazia e della Serbia sono importanti. “Questo rapporto deve essere migliorato nel 2018. Penso anche che Serbia e Croazia comprendano quanto sia importante risolvere le questioni bilaterali e rafforzare le relazioni bilaterali. C’era la volontà politica di risolvere questi problemi, ma si sono manifestate rotture e alti e bassi in quella relazione. Tuttavia, ritengo che i governi dei due paesi vogliano migliorare le relazioni e penso che sia necessario il coraggio politico. Sia la Serbia che la Croazia devono trovare il coraggio politico sia in relazione al tema dei dispersi, che a quello dei confini. Quindi i due paesi saranno in grado di andare avanti”.

C’è la volontà nell’UE di accettare nuovi candidati, se questi paesi si dimostrano pronti alle riforme, secondo Yee. Non appena possibile, la Serbia e altri paesi, che vogliono aderire all’UE e implementare le riforme più velocemente, vedranno una velocizazzione dei progressi nel percorso di adesione all’UE: “Penso che il Presidente Vucic abbia compiuto alcuni passi molto importanti in termini di rafforzamento degli standard democratici in Serbia, nonché in termini di prosperità economica del paese. Sta cercando di rendere la Serbia un membro dell’UE. Si tratta di una strada difficile, la Serbia ha bisogno di attuare una serie di riforme, ma crediamo che si stiano facendo progressi, ma che si debba solo procedere un po’ più velocemente. Ciò che è importante per la Serbia è che dovrebbe continuare ancora più chiaramente a mostrare ai partner nell’UE di muoversi al 100% verso l’adesione e fare tutto quanto è in suo potere per attuare le riforme nel modo più rapido possibile”, afferma Yee.

A proposito di diritti umani e delle libertà dei media in Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Croazia, il funzionario statunitense ha ribadito che si tratta di una questione importante per tutti i paesi che vogliono rafforzare i loro standard democratici, ma anche svilupparsi: i media liberi sono la chiave per forti democrazie e forti economie.

“I media liberi servono gli interessi dei cittadini, e tutti i casi di violazioni della legge dovrebbero essere perseguiti”, ha affermato Yee, aggiungendo: “Dobbiamo garantire la libertà, l’indipendenza dei media, che il governo collabora con i media e che questi stanno lavorando in modo accurato e responsabile. I media devono avere il diritto di beneficiare del sospetto, indagare, riferire sui fatti in relazione ai quali i cittadini hanno il diritto di essere informati”. Il rischio maggiore sarebbe rappresentato dalle minacce a editori e giornalisti in Europa, ha aggiunto. Rispondendo ad una richiesta di commento sulle indiscrezioni secondo cui N1 sarebbe finanziata proprio dagli USA, Hoyt ha dichiarato: “Crediamo nei media indipendenti e crediamo che i media debbano essere indipendenti da qualsiasi influenza e pressione politica. Le autorità devono proteggere i media e i giornalisti dalle minacce, il sistema giudiziario in tutta Europa deve perseguire coloro che vogliono limitare illegalmente la libertà dei media. I politici, i leader hanno la responsabilità di affermare chiaramente che è molto importante per loro che i media funzionino in modo indipendente. Non direi che un paese della regione è peggio di un altro. Penso che tutti i paesi di questa regione stanno affrontando le stesse sfide della transizione”.

Riferendosi all’allargamento della NATO, Hoyt Yee ha affermato che l’Alleanza persegue una politica dalle porte aperte e non ha mai costretto nessuno a entrare a far parte del gruppo.

“I paesi ammissibili sono invitati a partecipare a questa alleanza. Ci sono alcuni paesi di questa regione che sperano di aderire, non è facile per soddisfare tutte le condizioni, e se sono pronti per decisioni difficili nel settore della difesa, ma anche per la soddisfazione degli standard democratici, dello stato di diritto, della libertà, questi paesi hanno il diritto di scegliere e nessun paese ha il diritto di veto, compresa la Russia”, ha affermato. Intanto, l’ex sindaco di Dayton, Michael Turner, ha recentemente proposto una nuova iniziativa per organizzare un Dayton 2. “Noi pensiamo che non v’è alcuna necessità di Dayton 2 ora, ma pensiamo che sia necessario che il governo della Bosnia-Erzegovina si concentri sulle priorità per condurre a riforme politiche ed economiche e accelerare il processo di avvicinamento all’UE”.

Alla domanda sulla disputa tra Croazia e Slovenia in mare aperto, ha affermato che gli Stati Uniti sanno che è da tempo in sospeso e che si tratta di una questione difficile: “Ma crediamo che entrambi i paesi siano in grado di risolvere questo problema. Non ci schiereremo perché crediamo che la Croazia e la Slovenia possano risolverlo da soli. Stiamo tenendo fruttuosi colloqui ad alto livello e crediamo che tutti i paesi raggiungeranno una soluzione nel prossimo futuro”, ha affermato.

(Blic, 04.01.2018)

https://www.blic.rs/vesti/politika/hojt-ji-srbija-jos-jasnije-da-pokaze-da-100-posto-ide-ka-eu/nd07r6c

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... adesione UE, Aleksandar Vucic, Croazia, liberta di stampa, media, Unione europea
Grubjesic
Grubjesic: 12 anni per chiudere capitoli per adesione UE

Le sfide della Serbia nel 2018

Chiudi