Nikolic: “La visita in Serbia di Xi Jinping apre una nuova fase tra Cina e Serbia”

“Con la visita del presidente della Cina Xi Jinping in Serbia si aprirà una nuova era di rapporti bilaterali”, ha dichiarato o il presidente della Serbia Tomislav Nikolic, spiegando che le due parti hanno preparato finora 24 accordi da firmare.

“Non era mai successo prima che venga in visita il presidente di uno Stato per firmare così tanti accordi già predisposti. Questi non sono solo accordi bilaterali, ma anche gli accordi relativi agli investimenti. Siamo ponti per firmare alcuni contratti molto importanti grazie ai quali la Serbia, finalmente, sarà in grado di risolvere dei grandi problemi del passato di alcune sue aziende. Credo che senza il supporto cinese non avremmo potuto risolverli”, ha dichiarato Nikolic per la radio internazionale cinese, aggiungendo che questa visita non è un inizio ma avrà effetti permanenti in futuro.

“Dopo tanti anni, il presidente cinese arriva in Serbia. Questo è come quando dopo un inverno lungo arriva la primavera. Tutto fiorirà dopo la visita del compagno Xi Jinping, perchè sappiamo benissimo che tutto quello che verrà accordato con il presidente della Cina, nessuno lo può più impedire in Cina”, ha detto Nikolic, riporta il Tanjug.

Il presidente della Serbia dice che ora sta alla Serbia di presentarsi alla Cina meglio di prima, e la Cina tanto tempo fa si è già presentata nel miglore nei modi, con imprenditori di successo, con il sostegno  alla Serbia e con la decisione che la Serbia sarà il posto dal quale partirà per l’Europa. Il presidente serbo ha aggiunto che la Cina oggi, per fortuna della Serbia, è in posizione di poter ampliare i suoi investimenti.

In aggiunta, dice che la Serbia è invidiata ora da tanti paesi e che ha ricevuto telefonate da parte di numerosi capi di stato che hanno chiesto se potevano venire in visita durante la visita del presidente della Cina alla Serbia al fine di organizzare una riunione con lui. “La Cina rappresenta una sorpresa per tanti, per me no… Leggendo tanto sul vostro popolo, lo sapevo che un giorno saresti “esplosi”, come dicono i telecronisti sportivi”, ha detto Nikolic aggiungendo che la Serbia ha grandi progetti relativi alla collaborazione con la Cina.

Ha riferito che il sostegno cincese è prezioso per la Serbia e che questo è stato evidente nell’occasione del voto relativo all’accesso del Kosovo nell’UNESCO e al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite quando è stata respinta una risoluzione che danneggiava la Serbia.

Alla domanda su come l’EU guarderà al rafforzamento dei rapporti tra la Serbia e la Cina, Nikolic ha risposto dicendo che la Serbia con la sua storia, cultura, tradizione, e la posizione geografica appartiene all’Europa e deve essere in Europa, e che vuole accederci nel modo che hanno dovuto seguire anche altri paesi, “facendo ordine nell’organizzazione statale, però la Serbia altrettanto ha tanti amici ai quali non vuole assolutamente rinunciare nè contrariarli. “Cosa avremmo ottenuto se avessimo introdotto sanzioni contro la Russia? Solamente avremmo contrariato la Russia e avremmo messo noi stessi alla berlina visto che la Russia è un nostro sostegno importante nella politica estera. Cosa faremo se riceveremo qualsiasi tipo di rimprovero relativo alla Cina?, ha detto Nikolic.

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top