Vulin: “Lo Stato vigilerà su abusi in Geox e Yura”

Il Ministro del Lavoro, dell’occupazione e delle politiche sociali Aleksandar Vulin ha dichiarato lunedi 25 luglio che sono state riscontrate irregolarità nelle aziende Yura e Geox e che lo Stato intende osteggiare ogni violazione della legge, non importa compiuta da chi.

Vulin ha spiegato che Yura ha donato alcune automobili all’Ispettorato del Lavoro nel 2013 e di non essere in grado egli stesso di fornire spiegazioni in merito a questa azione e alle sue motivazioni, poiché il tutto si è verificato prima che gli fosse affidato il Ministero, e che la legge violata è entrata in vigore durante il suo mandato.

Secondo il Ministro, la società ha avuto numerose ispezioni negli ultimi due anni da quando ha stabilito la sua sede serba, e i controlli sono stati effettuati su segnalazione di rapporti stilati da dipendenti ed ex dipendenti: “non possiamo aiutare coloro che non sono più dipendenti. Ci sono state irregolarità nella Yura, irregolarità a cui si è posto rimedio, e gli ex dipendenti ne sono stati penalizzati”, ha dichiarato Vulin aggiungendo che ispezioni hanno avuto luogo anche presso la Geox a seguito di segnalazioni di lavoratori addetti alla produzione riguardanti orari di lavoro al di fuori dei confini prescritti dalla legge.

La società ha, secondo Vulin, pagato i lavoratori per questo, ma il Ministero ha tenuto a precisare presso Geox che il lavoro straordinario deve essere organizzato in conformità con la legge, e annunciando ulteriori ispezioni per monitorare la situazione.

Nei sei anni in cui l’azienda sudcoreana Yura ha operato in Serbia, decine di ispezioni sono state effettuate negli stabilimenti di Nis, Raca e Leskovac, e le relazioni del Ministero del Lavoro citano 26 reclami dei dipendenti, ma anche che ci deve solo in un caso la segnalazione è arrivata da parte di un dipendente in quel momento ancora impiegato presso l’azienda.

(eKapija, 25.07.2016)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top