Vulin: “La decisione della Croazia è una provocazione, la Serbia reagirà in modo deciso”

Il Ministro della Difesa della Serbia Aleksandar Vulin ha dichiarato oggi che la decisione presa dal Ministero degli affari Esteri della Croazia riguardo al fatto che lui non è più ben accolto in Croazia è solamente una provocazione e un tentativo di mettere a tacere chiunque dica la verità su Jasenovac. Vulin ha annunciato che ci sarà una razione decisiva da parte della Serbia.

“La verità più terrificante riguardo a Jasenovac non è solo quello che è successo nel passato, ma anche che l’attuale Croazia non si pente nemmeno per le azioni che ha compiuto”, ha detto Vulin per il canale televisivo serbo RTS e ha annunciato che presto anche il Presidente Aleksandar Vucic commenterà la decisione presa della dirigenza dello Stato croato. Vulin sottolinea che questa è una provocazione e che la Serbia e il presidente Aleksandar Vucic reagiranno come uno Stato sicuro e stabile deve reagire.

“La Germania si è pentita per i crimini della Seconda guerra mondiale, e a Mauthausen non ci va. Per noi è difficile andare a Jasenovac sulla tomba dei bambini massacrati, e dopo andare a Blayburg sulla tomba dei assasini di quei bambini. Ci fanno male queste morti, e qualcuno deve pur dirlo ma noi non andremo più a Blayburg a deporre ghirlande di fiori sulle tombe degli Ustascia “, ha dichiarato Vulin.

Ha dichiarato anche di non aver nemmeno avuto l’intenzione di andare a Jasenovac, dove la commemorazione è stata organizzata dalle autorità croate. “Perché dovrei andarci con il governo croato? Io volevo essere con il mio popolo in una chiesa rinnovata a Mlaka, e non andare con il governo croato, dove non ci sono serbi, rom o ebrei”, ha detto Vulin.

Ha anche commentato il fatto che i croati trovano inappropriata la sua dichiarazione sul fatto che solo il Comandante supremo delle forze armate serbe può decidere di una possibile visita di Vulin in Croazia. “Sono infastiditi dalle mie dichiarazioni riguardo Stepinac, e Jasenovac, gli da fastidio che ricordi a loro quanto i serbi siano discriminati”, ha detto Vulin, e ha spiegato che si tratta di una procedura, e che il Ministro della Difesa è obbligato a consultarsi con il comandante supremo durante qualsiasi viaggio, per avere il suo consenso.  “Pensavo che in Europa la libertà di circolazione sia garantita a tutti quelli che non avessero compiuto crimini”, ha detto Vulin

Alla domanda riguardo al futuro delle relazioni tra i due Paesi, Vulin ha affermato che la Serbia cerca sempre di rendere buoni i rapporti. “Quello che Vucic è riuscito a sopportare per il suo Paese, il Presidente del Parlamento croato Gordan Jandrokovic non ha voluto in alcun modo. In Parlamento sembrava che Jandrokovic cercasse una qualsiasi ragione per chiudere la visita”, ha detto Vulin .

Il Ministero degli Esteri della Croazia ha dichiarato che il Ministro della Difesa della Serbia Aleksandar Vulin non sarà ammesso in Croazia fino a nuovo avviso, a causa della sua dichiarazione che solo il comandante supremo dell’esercito serbo il Presidente Aleksandar Vucic può decidere se Vulin visiterà la croazia o no, e non Ministri croati. Questa dichiarazione  è stata considerata un “tentativo inopportuno e inaccettabile di sminuire la sovranità della Repubblica di Croazia”.

(https://beta.rs/vesti/politika-vesti-srbija/88313-vulin-odluka-hrvatske-je-provokacija-srbija-ce-reagovati-odlucno-i-drzavnicki)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Aleksandar Vulin, Croazia
Kolinda Grabar-Kitarovic: “L’incidente al Parlamento serbo ha rovinato le relazioni tra la Serbia e la Croazia”

Nuovo scandalo diplomatico: A causa di Seselj la delegazione croata interrompe la visita in Serbia

Close