Vukadinovic: il Governo serbo sempre più ansioso

Il governo “ora non è più debole come prima, ma è più ansioso perché ci si aspetta che soddisfi ciò che ha promesso in relazione al Kosovo”, ha detto l’analista politico Djordje Vukadinovic in un’intervista per il FoNet.

Vukadinovic aggiunge che le proteste civili, che sono diventate diffuse in Serbia, non sono politiche, “sebbene abbiano implicazioni politiche”.

In una conversazione con la giornalista Danica Vucenic, come parte della serie Kvaka 23, ha ricordato che le precedenti proteste, giustamente intitolate “Against Dictatorship”, erano più massicce e politicamente pericolose.

“Queste proteste contro gli alti prezzi del carburante si sono diffuse in tutta la Serbia, sono spontanee e includono il potenziale sociale e politico”, ha detto Vukadinovic e ha aggiunto che “la forte reazione del governo a queste proteste civili è un segno di debolezza del regime.”

Pensa però che questo regime ” sia più preparato a queste proteste rispetto ai regimi precedenti, nel senso che hanno escogitato una storia che squalifica immediatamente i manifestanti”.

Spiega anche “l’ansia delle autorità” per il fatto che i cittadini ora affrontano problemi di vita che colpiscono anche gli elettori del Partito SNS. “Ecco perché è importante disarmare, disqualificare e presentare i manifestanti come dei ribelli e dei rivoluzionari, anche come criminali di massa, e qualcosa di estremista, in modo che non osino mai protestare di nuovo”, ha spiegato Vukadinovic.

Riferendosi all’atteggiamento che le autorità hanno nei confronti dei cittadini che bloccano le strade a causa degli alti prezzi del carburante, Vukadinovic chiama i manifestanti come “resti della classe media”, ma ci sono anche persone tra loro che sono “pronte a combattere contro qualsiasi cosa”. “Ci sono molte persone che sono semplicemente insoddisfatte delle autorità, ma ci sono anche manifestanti che protestano solo contro i prezzi del carburante”, ha aggiunto Vukadinovic.

Vukadinovic pensa che le proteste abbiano anche un potenziale sociale e politico e che il governo cerca di abbatterli in modo piuttosto irritante, cosa che offende il buon senso, perché sono anche stati accusati di protestare perché Djilas, Jeremic o Jankovic gli hanno detto di farlo“.

Secondo lui, “alcuni dei suoi colleghi dell’opposizione sta conquistando punti politici dalle proteste”. Sottolinea che alcuni leader dell’opposizione hanno ammesso sui social media di non avere nulla a che fare con le proteste.

Secondo Vukadinovic, un serio cambiamento positivo nella società può avvenire “solo se esiste una correlazione e un coordinamento tra movimenti civili, cittadini, iniziative spontanee, opposizione parlamentare ed extraparlamentare”.

“C’è questo falso dilemma di che cosa sia meglio: movimenti e iniziative civili spontanee o una proteste organizzate dal partito? Ciò che è importante è che tutti si ramifichino nella stessa direzione, che non deve necessariamente essere perfettamente coordinata in ogni momento”, ha sottolineato Vukadinovic. Ha avvertito che, altrimenti, le strutture di partito organizzate, che appaiono burocratiche e ripugnanti, e i giovani membri del movimento cominceranno sempre più a odiarsi e a litigare, ed è proprio questo ciò che il regime vuole.

Vukadinovic prevede che l’opposizione finirà per fondersi perché sarà costretta a farlo alle elezioni regolari o improvvise, ma quando o come non si sa ancora. Vukadinovic vede le recenti elezioni nel Partito Democratico (DS) come “positive” nel contesto della rimozione del “dilemma in cui si trova il DS”. Ma questo, secondo lui, non significa che l’opposizione formerà presto un’alleanza.

Vukadinovic non crede che la Serbia oggi si trovi nella stessa situazione della Serbia negli anni ’90, anche se, per alcuni aspetti, potrebbe essere paragonata ad essa perché c’è più instabilità, violenza, omicidi, conflitti di potere e criminalità nelle strade che negli anni ’90.

“Ciò che è particolarmente preoccupante, è l’assenza di qualsiasi sistema e di ogni competenza”, ha espresso Vukadinovic.

Alla domanda se il SNS è al culmine del suo potere, ha risposto che “questo è il picco del loro potere”, ma ha aggiunto che ha l’impressione che il vero picco si fosse verificato l’anno scorso.

“Ora hanno tutta la leva, cioè istituzionale, non istituzionale, economica, politica, dei media, ma c’è questo nervosismo di cui abbiamo parlato, che è reale, anche se non riusciamo a scoprire completamente tutte le ragioni di esso”, ha concluso Vukadinovic.

(https://www.danas.rs/politika/vukadinovic-vast-sve-nervoznija/)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... governo, proteste, Serbia
L’ensamble “Aleksandrov” il 23 giugno davanti al Tempio di San Sava

Vogliamo più costoso il tabacco e l’alcol, mentre la benzina più economica!

Chiudi