Vujovic: al via la riforma dell’Amministrazione fiscale

Il Ministro delle Finanze della Serbia, Dusan Vujovic, ha dichiarato oggi che è iniziata la riforma ufficiale dell’Amministrazione fiscale.

Il piano prevede che l’Amministrazione fiscale disponga di 35 uffici in tutta la Serbia, mentre gli ispettori delle imposte otterranno una nuova piattaforma IT dalla quale lavorare.
In un’intervista rilasciata la Rete delle Donne dell’AFA, il Ministro ha dichiarato che “dopo alcuni tentativi di riforma dell’amministrazione fiscale, la riforma è stata finalmente avviata”.
“L’amministrazione fiscale avrà 35 uffici. All’inizio di ogni giornata lavorativa, gli ispettori non sapranno quale compagnia nel raggio di 30-40 chilometri dovranno controllare quel giorno e non sapranno neanche che il loro stesso lavoro sarà supervisionato”, ha aggiunto Vujovic.
La riforma dell’Amministrazione fiscale, inoltre, non avrebbe incontrato il dissenso di nessuna delle parti al potere e si pone come obiettivo la trasformazione in un sistema ben organizzato nell’arco di due o tre anni.
Il Ministro ha aggiunto che il perforso riformatore è iniziata tre anni fa con un’analisi interna, seguita da un’analisi condotta dal Fondo Monetario Internazionale e dalla stesura di una strategia di riforma nel 2015.
Quando gli è stato chiesto dai proprietari di un’azienda se fosse possibile esentare una società dal pagamento delle tasse corporative in caso di investimenti nell’espansione della produzione, Vujovic ha dichiarato che la tassa sulle società non ha mai generato entrate significative per il bilancio dello stato (meno del 3%) e che non sarebbe un grosso problema se gli investitori ne venissero esentati.
“Ritengo che la tassa sulle società dovrebbe essere uno strumento flessibile e che gli ispettori fiscali dovrebbero avere il diritto discrezionale di esentare una società dal pagamento, a condizione che la società abbia investito questi soldi nella produzione”, ha risposto il Ministro.
(Novi Magazin, 23.01.2018)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top