Vuckovic: “La nuova legge sul lavoro fondamentale per gli investimenti”

Le modifiche della legge sul lavoro e sullo sciopero e la sua armonizzazione con le normative europee sono fondamentali per l’attrazione degli investitori esteri in Serbia, dice Milan Vuckovic, rappresentante della Delegazione del commercio tedesco in Serbia.

Vuckovic ha negato le accuse dei sindacati secondo i quali la nuova Legge sul lavoro è stata scritta su misura della camera di commercio degli Stati Uniti e di Germania e dei magnati locali e non nell’interesse di cittadini serbi, evidenziando che queste accuse non sono realistiche. “In Serbia attualmente operano 2.500 societa’ estere che assumono piu’ di 100.000 persone. Queste societa’ non hanno il diritto di partecipare con I propri suggerimenti  nelle modifiche alla legge sul lavoro?”, ha chiesto Vuckovic. Egli ha detto che le dichiarazioni di alcuni rappresentanti dei sindacati all’iniziativa di protesta di ieri le quali “hanno affermato l’introduzione del sistema di schiavitu’ in Serbia”, non solo che danneggano l’attuale dialogo sociale e l’accordo sulle modifiche della legge sul lavoro, ma rappresentano anche una delle forme di propaganda piu’ primitiva sui media”.

Vuckovic ha detto anche che le camere di commercio cooperano con l’Unione dei datori di lavoro al fine di migliorare il contesto d’affari in Serbia.

(Tanjug, 11.12.2013)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... investimenti
Canale del fiume Morava: “New deal” serbo?

Serbia e Italia presenti alla tavola rotonda di EuCham in Macedonia

Chiudi