Vučić spaventa i cittadini ma viola per primo le misure anti-COVID

Andando a vedere, sabato notte, l’avanzamento dei lavori per la costruzione del nuovo ospedale COVID nel complesso militare “Zemun Ekonomija” a Batajnica, il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha violato ancora una volta le misure restrittive disposte dall’Unità di crisi per contenere il contagio.

All’evento hanno partecipato i lavoratori e i rappresentanti di un gran numero di media, giornalisti, fotoreporter, cameramen, nonché il Presidente Vučić e il suo entourage, i Ministri della difesa e della salute Nebojša Stefanović e Zlatibor Lončar e il loro entourage, il sindaco di Belgrado Zoran Radojičić e il vice Goran Vesić, il direttore dell’EPS Milorad Grčić, insieme a un numero considerevole di militari.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La nuova Ministra e membro dell’Unità di crisi, Darija Kisić Tepavčević, aveva spiegato giorni fa la nuova misura sul divieto di assembramento per più di 5 persone:

“Il divieto di radunarsi in occasione di eventi pubblici è per diversi tipi di celebrazioni, congressi, seminari. Diventa possibile solo se sono garantiti quattro metri quadrati per persona nella stanza, il che significa che la distanza tra le persone deve essere di due metri”, aveva affermato la Kisić Tepavčević chiarendo che non era una raccomandazione, ma una misura regolata dalla legge e quindi punibile.

Considerando che in questa occasione non è stato rispettato il provvedimento di quattro metri quadrati a persona, come confermato dalle foto, è evidente che il provvedimento è stato violato in primo luogo dal Presidente Vucic.

All’inizio del suo discorso alla stampa, Vucic ha spaventato i cittadini dichiarando che “alle 22 abbiamo 1.500 persone infettate e domani ce ne saranno 3.000 e oltre”, appellandosi alla responsabilità dei cittadini che non devono pensare alle teorie complottistiche secondo cui si tratta di una malattia inesistente.

“Abbiamo un numero enorme di persone infette, ma fortunatamente non così tante nonne e nonni. Domani saranno oltre 3.000, i numeri sono orribili “, ha sottolineato Vučić, anche se proprio in quel momento le misure non venivano rispettate da lui stesso.

Una situazione simile si era verificata recentemente all’inaugurazione del centro commerciale “Galerija”, quando tra l’opinione pubblica c’erano state molte polemiche sull’opportunità che queste inaugurazioni e visite vengano fatto nel bel mezzo di una nuova ondata di coronavirus.

https://pravda.rs/2020/11/11/vucic-plasi-obolelima-a-okuplja-ljude-i-krsi-korona-mere-video/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, COVID, Darija Kisic Tepavcevic, misure restrittive
Nuove misure restrittive in arrivo per bar e locali notturni

Tra Serbia e Albania solo con la carta d’identità

Close