Vucic: ridurre del 50% l’imposta sul reddito

Il Primo Ministro serbo Aleksandar Vucic ha commentato l’annunciata riduzione dell’imposta sul reddito e contributi rivelando che l’idea generale era quella di abbassarli rispettivamente del 20% e 25%, nel tentativo di stimolare l’occupazione e la crescita economica.

“Stiamo contemplando di ridurre significativamente l’imposta sul reddito e contributi (tra il 20% e il 25%), al fine di ridurre eventualmente i tassi al 50% degli stipendi. In questo modo, avremmo modo di incoraggiare l’occupazione e ridurre il numero di lavoratori non registrati, il che avrebbe un’influenza positiva anche sulle entrate fiscali per lo Stato”, ha detto il primo ministro in un’intervista rilasciata a Prva TV.

Vucic ha proseguito spiegando che tali misure potrebbero facilitare la crescita economica a causa dei salari più alti e delle pensioni, e ha aggiunto che il bilancio 2017 è in fase di preparazione e che sono in corso discussioni su grandi investimenti, o meglio su come implementare grandi investimenti senza aumentare il debito pubblico.

(Blic, 21.11.2016)

http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/vucic-sutra-ili-prekosutra-pocinje-isplata-pomoci-penzionerima/jdmebq7

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top