Vucic: “Responsabilità, parola chiave del 2015”

Il primo ministro serbo, Aleksandar Vucic ha rivolto un appello ai suoi connazionali ricordando che nessuno potrebbe fare qualcosa al posto di loro o al posto del Governo. “Quanto prima iniziamo a realizzare i nostri obiettivi, prima potremmo vedere anche i risultati,” sottolinea Vucic.

Nel suo testo scritto per il quotidiano “Novosti”, il primo ministro ha detto che “siamo responsabili per ogni nostro anno nuovo, cioè siamo responsabili per tutto quello che faremo oppure che non faremo”.

Il primo ministro ha detto che il Governo deve creare lavoro per i suoi cittadini, attrarre nuovi investimenti, rinnovare l’industria, risolvere le questioni legate alla riorganizzazione di alcune aziende, avviare la produzione nell’Acciaieria di Smederevo, poi nell’intero comparto chimico, aprire nuovi posti di lavoro, finire la costruzione delle strade e della ferrovia, mentre la cosa più importante è la creazione di contesto tale per cui tutta la gente in Serbia venga trattata in modo uguale.

Vucic ha sottolineato che ogni cittadino serbo deve essere responsabile per sè stesso. “Responsabilità è la parola chiave per la 2015”, ritiene il primo ministro.

Nel suo testo Vucic evidenzia che tutto quello che la Serbia ha fatto in otto mesi del Governo è stato fatto “sotto la bandiera di responsabilità!”

“Grazie alla responsabilità siamo riusciti a lottare con letro alluvioni, e per questo tutti i soldi diretti alle vittime delle alluvioni sono stati spesi proprio per loro. Questo ci ha consentito di affrontare i rappresentanti della corruzione e i criminali, businessman potenti e loro protettori politici, e alla fine bloccare le loro rapine”.

Inoltre, grazie alla responsabilità abbiamo aumentato i redditi, l’Acciaieria ha iniziato a lavorare, le strade e ponti sono stati costruiti… La responsabilità ha restituito una buona reputazione alla Serbia nel mondo e ora la Serbia è un paese rispettato ed affidabile”, ha scritto Vucic.

Il primo ministro ha detto che il processo del recupero del paese non sarà facile, però crede che questo sia possibile.

Credo che noi possiamo farlo. Credo che ognuno di noi possegga le competenze necessarie per espletare seriamente il suo lavoro, realizzare un miglioramento continuo e creare la propria fortuna. Credo nella Serbia. Con questa fede, vorrei augurarvi un felice anno nuovo. L’anno nel quale noi saremo responsabili”, ha concluso Vucic.

(RTS, 31.12.2014.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Leggi articolo precedente:
Investimenti esteri a 1,15 miliardi di euro nei primi 10 mesi del 2014
Approvata la nuova legge sull’energia

Chiudi