Vucic, Rama e Zaev si incontrano a Novi Sad per istituire una “mini Schengen”

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha ospitato l’incontro trilaterale a Novi Sad con i Primi Ministri dell’Albania e della Macedonia del Nord. Il principale argomento di discussione di questa riunione è stata l’istituzione di una “mini Schengen” con l’obiettivo di migliorare i collegamenti tra i mercati regionali dei tre Paesi, consentendo la libera circolazione di merci, persone, servizi e capitali in un mercato di 20 milioni di persone.

L’incontro è durato due ore, dopodiché i tre funzionari si sono rivolti ai media. Durante la riunione i tre politici hanno anche firmato una dichiarazione di intenti.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Zoran Zaev ed Edi Rama, rispettivamente primi ministri della Macedonia settentrionale e dell’Albania, sono arrivati ​​ieri in Serbia e ieri sera hanno camminato per le strade di Novi Sad con il Presidente Vucic e la Premier Ana Brnabic. Lo stesso Vucic ha affermato che per i tre Paesi, ma anche per gli altri, questo incontro è stato di fondamentale importanza.

“Sono felice che abbiamo iniziato a prenderci cura di noi stessi e che non abbiamo bisogno di qualcuno che ci controlli. In questo modo possiamo concordare un futuro migliore per i nostri lavoratori, i nostri agricoltori e soprattutto per i giovani, in modo che possano scegliere di rimanere nei nostri rispettivi Paesi”, ha affermato Vucic.

Vucic, Rama e Zaev avevano già discusso in modo informale dell’incontro durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York a settembre, e il Presidente serbo aveva quindi annunciato che a Novi Sad sarebbero stati fatti piani per collegare i mercati nella regione e per creare una sorta di regime chiamato “mini Schengen”, cioè un regime di senza visti tra i Paesi della regione.

Gli economisti stimano che istituendo una “mini Schengen” nei Balcani occidentali le aziende di tutta la regione otterrebbero un mercato comune regionale più ampio, di quasi 20 milioni di consumatori. L’iniziativa è stata accolta favorevolmente dalle camere regionali di tutti i paesi dei Balcani occidentali che riuniscono oltre 350.000 aziende.

http://www.novimagazin.rs/vesti/vucic-zaev-i-rama-potpisali-dokument-o-slobodnom-protoku-robe-usluga-ljudi-i-kapitala

Photo credits: “Tanjug / Tanja Valic”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, mini Schengen, Novi Sad, Rama, senza visti
Vucic insignito del massimo ordine della Chiesa ortodossa

dragan Djilas
Elezioni in Kosovo e Metohija: la maggior parte dei voti va al partito nazionalista “Vetevendosje!” (Autodeterminazione!)

Close