Vučić: “Putin in Serbia ad ottobre, spero che tutto proceda senza incidenti in Montenegro”

Il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha annunciato ieri che sono iniziati i preparativi per la visita del Presidente russo Vladimir Putin in Serbia ad ottobre, quando si celebrerà l’anniversario della liberazione di Belgrado dal nazifascismo nella seconda guerra mondiale: “È certo che la pagina del Vangelo di Miroslav sarà restituita alla Serbia, al Museo Nazionale”, ha inoltre aggiunto Vučić.

Il Presidente ha detto ai giornalisti dopo la cerimonia di consegna delle bandiere militari alla 72a brigata addetta alle operazioni speciali e alla 63a brigata dei paracadutisti, che si incontrerà con Putin a Mosca il 23 giugno, due giorni dopo le elezioni, dove parteciperà alla parata del 24 giugno per celebrare il 75° anniversario della vittoria sul nazifascismo.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“La nostra Guardia è già lì e si sta preparando”, ha detto Vucic.

Rispondendo alla domanda sulla presenza del partito “SNS” nei media durante la campagna elettorale, Vučić ha affermato che è facile misurare secondi e minuti, ma non “il tempo in affitto”.

“Ci piace pagare le televisioni e non metterci i soldi in tasca, come fanno alcuni altri”, ha detto Vučić e ha invitato tutti a guardare per esempio la TV RTS. “Il mio partito ha partecipato solo una volta alle discussioni faccia a faccia e neanche una volta alla trasmissione “Upitnik” mentre altri erano ospiti diverse volte; poi quando qualcuno non riesce a ottenere un buon risultato alle elezioni, i media sono sempre responsabili”, ha affermato.

Alla domanda sulle liturgie che riprenderanno da oggi in Montenegro, Vučić ha affermato di avere fiducia che tutto si concluderà pacificamente.

“Non so perché stupirci, come se non ci fossero graffiti o minacce ai serbi praticamente ogni giorno”, ha detto invece Vucic a proposito di alcuni graffiti apparsi a Zagabria, dove era disegnato un albero su cui c’erano impiccate delle persone con la scritta “Albero genealogico serbo”.

“Vogliamo buoni rapporti con i croati, ma non permetteremo a nessuno di umiliare il nostro popolo”, ha concluso Vučić.

http://rs.n1info.com/Vesti/a609832/Vucic-Putin-u-oktobru-u-Srbiji-nadam-se-da-ce-u-Crnoj-Gori-sve-proci-mirno.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Montenegro, nazifascismo, Putin
REM: “La lista di Vucic è la più presente nei media serbi in campagna elettorale”

Vučić annulla tutti i raduni preelettorali del partito “SNS”

Close