Vučić presenta il piano “Salto nel futuro – Serbia 2027”

In un discorso televisivo di due ore, il presidente serbo Aleksandar Vučić ha presentato sabato sera il piano “Salto nel futuro – Serbia 2027”, che prevede sei priorità: l’innalzamento del tenore di vita nel Paese, la modernizzazione accelerata del Paese, lo sviluppo delle infrastrutture, l’industrializzazione, l’agricoltura, l’ambiente, lo sviluppo integrale e l’Expo 2027.

Le componenti principali del piano prevedono investimenti significativi in infrastrutture, tra cui la costruzione di centinaia di chilometri di autostrade, ferrovie, scuole, asili, ospedali e miniere. Il Presidente Vučić ha sottolineato l’importanza di mantenere la pace all’interno del Paese e di inviare un chiaro segnale che la Serbia rimane impegnata nel suo percorso europeo, aspirando in ultima analisi ad entrare nell’Unione Europea.

Di seguito sono riportati i punti principali del piano.

Standard di vita

“Il valore totale di tutto ciò che abbiamo prodotto nel 2013 era di 33 miliardi e alla fine del 2027 il prodotto interno lordo sarà di oltre 92 miliardi di euro. Potremmo arrivare a 100 miliardi con condizioni geopolitiche più favorevoli, quindi tre volte di più rispetto al passato”, ha detto Vučić e ha aggiunto: “A febbraio presenteremo quello che faremo per l’esercito e le altre agenzie di sicurezza. Nei prossimi tre anni e mezzo, prevediamo di investire un totale di 17,8 miliardi di euro in questi progetti”.

Stipendio medio

Per quanto riguarda gli stipendi, Vučić ha detto che nel dicembre 2024 lo stipendio medio dovrebbe essere di 958 euro, e nel 2025 lo stipendio medio in Serbia supererà per la prima volta i 1.000 euro. “Il nostro obiettivo è di raggiungere i 1.400 euro nel dicembre 2027”, ha detto il presidente, aggiungendo: “C’è anche la possibilità di aumentare il salario minimo a 800 euro, ma questo comporterebbe molti problemi con gli investitori e i Paesi seri come la Serbia non possono permetterlo”.

Pensione media

Per quanto riguarda le pensioni, ha detto che nel 2023 la pensione media era di 391 euro e che si prevede un salto a 650 euro entro la fine del 2027. “Questo sarà un salto di qualità, un salto nel futuro per i pensionati”, ha detto Vučić.

“Le esportazioni del settore ICT nel 2027 saranno pari a 10 miliardi di euro”.

Questo articolo è stato presentato dal Ministro della Scienza serbo, Jelena Begović, e dal Primo Ministro serbo, Ana Brnabić, che hanno affermato che nel 2024 le esportazioni del settore ICT serbo ammonteranno a 3,5 miliardi di euro. “Oggi produciamo ed esportiamo in un mese quello che prima facevamo in un anno. Quello che faremo nel 2027 è un salto di qualità rispetto a tutto ciò che abbiamo fatto finora. Le nostre esportazioni saranno allora di 10 miliardi di euro. Ciò significa che 140.000 persone saranno impiegate in questo settore”, ha aggiunto Brnabić e ha continuato:“Per la costruzione del Campus BIO4 saranno spesi 450 milioni di euro. I migliori ricercatori, professori, studenti, ma anche le nostre aziende, lavoreranno lì per migliorare la vita dei cittadini, cioè per una migliore assistenza sanitaria, per terapie moderne, per un’agricoltura efficiente, per una migliore qualità del cibo e, in generale, per una più alta qualità della vita”, ha detto la Begović.

Il primo ministro ha sottolineato che la Serbia è uno degli 11 Paesi che ha implementato le basi dell’intelligenza artificiale nei programmi scolastici e che fa parte del partenariato globale per l’intelligenza artificiale. “Siamo pronti, ma dobbiamo lavorare di più e più velocemente. Per questo motivo, nel prossimo periodo, entro il 2027, investiremo circa 70 milioni di euro e altri 30 milioni per il nuovo supercomputer”, ha sottolineato Brnabić.

Il Primo Ministro ha inoltre dichiarato che 150 milioni di euro saranno spesi per la creazione di nuovi parchi scientifici e tecnologici a Niš, Kruševac, Čačak e Kragujevac, ma anche per l’espansione dei parchi scientifici e tecnologici esistenti a Belgrado e Novi Sad.

“Maggiore disponibilità di farmaci innovativi”.

Il Presidente Vučić ha annunciato che, a partire dalla metà del 2024, i pazienti avranno a disposizione tutti i tipi di farmaci innovativi che si possono trovare solo in Paesi come Germania, Francia o Spagna. “Nei prossimi tre anni, dovremmo aumentare il budget per il trattamento delle malattie rare e per i farmaci innovativi di oltre 200 milioni di euro in modo graduale – 85 milioni nel primo anno, poi 150 e infine 200 milioni”, ha annunciato Vučić.

“487 km di autostrade nei prossimi tre anni”.

Per quanto riguarda le strade, Vučić ha detto che dal 2012 ad oggi sono stati completati 468 km di autostrade e che fino al 2027 ne saranno realizzati altri 427, per un totale di oltre 900 km negli ultimi 15 anni. Il piano prevede la realizzazione di altri 487 km di autostrade nei prossimi tre anni, ha annunciato Vučić.

“Il segmento da Kosevi a Preljina sarà completato entro il 2025. La prossima è la Pakovrace-Pozega, di cui restano 19,5 km, che sarà completata entro ottobre di quest’anno. Il tratto Sremska Raca-Kuzmin, lungo 19 km, con il ponte a Sremska Raca, sarà completato entro la fine del 2025. Il corridoio di Fruska Gora, per un totale di 47,5 km, sarà completato entro giugno 2026. Poi c’è il tratto Sabac-Loznica, che sarà completato a breve, seguito dal Corridoio del Danubio, tratto Pozarevac-Golubac, lungo 68 chilometri, che sarà completato entro il 2026. La circonvallazione intorno a Novi Sad sarà completata in due anni e mezzo. Ci sono difficoltà nella costruzione della strada Belgrado-Zrenjanin-Novi Sad, ma sarà comunque completata molto prima dell’inizio dell’EXPO”, ha aggiunto Vučić.

“Previsti oltre 2.000 km di ferrovie”.

Per quanto riguarda l’infrastruttura ferroviaria, il Presidente serbo ha dichiarato che nel prossimo periodo è prevista la costruzione o la ricostruzione di oltre 2.000 km. “Entro la fine di quest’anno, ci vorrà un’ora e 12-13 minuti per andare dal centro di Belgrado al centro di Subotica in treno, mentre ci vorrà un’ora e 45 minuti per arrivare a Niš da Belgrado in treno”, ha detto Vučić e ha aggiunto che in Serbia ci sono molte ferrovie obsolete “che dovranno essere ricostruite e si investirà molto anche nel traffico acqueo”.

“Prosecuzione delle sovvenzioni alle imprese”

Vučić ha anche confermato che il governo serbo continuerà a sovvenzionare le aziende con piani di investimento a lungo termine in Serbia.

“Sussidi più alti e prestiti aggiuntivi”

Per quanto riguarda l’agricoltura, è stato annunciato che i sussidi per il settore agricolo aumenteranno del 70% nel prossimo quadriennio e, secondo Vučić, i sussidi per l’allevamento, il latte e i prodotti caseari saranno quelli che cresceranno più velocemente.

“Senza la centrale di Bistrica non ci sarà elettricità”.

Vučić ha anche dichiarato che la Serbia investirà “più che mai” nell’energia e ha stimato che la Serbia “non avrà abbastanza elettricità” se non verrà costruita la centrale idroelettrica reversibile Bistrica. “Abbiamo progetti su larga scala per la costruzione di centrali solari autobilanciate e per il parco eolico di Kostolac”, ha dichiarato il presidente.

Costruzione di capacità di gas e petrolio

Vučić ha poi aggiunto che l’oleodotto Serbia-Ungheria è attualmente in fase di costruzione, così come l’interconnessione del gas in direzione della Macedonia settentrionale. “Dobbiamo costruire due impianti per il gas, oltre a un impianto vicino al giacimento di gas Cestereg. Nessuno si chiede da dove provenga la nostra elettricità e perché non ci siano problemi. Ebbene, non ci sono problemi perché stiamo comprando enormi quantità di gas, anche per produrre l’elettricità. Nei giorni freddi, stiamo spendendo fino a 17,5 milioni di metri cubi di gas”, ha detto Vučić.

“La decisione sull’estrazione del litio sarà presa dal nuovo governo”.

Vučić ha anche affermato che la decisione sullo sfruttamento del litio sarà presa dal nuovo governo. “Il governo precedente non ha accettato la mia idea perché aveva un’opinione diversa, oppure è stato più facile per loro non accettarla, a causa delle proteste di piazza contro l’estrazione del litio”, ha osservato Vučić.

Vučić ha inoltre affermato che la Serbia possiede preziosi giacimenti di calcite e molibdeno e che i professori della Facoltà di Scienze minerarie dovrebbero essere assunti per indagare su questi giacimenti, perché “la Serbia è molto in ritardo nell’estrazione di calcite e molibdeno”.

EXPO 2027

Il ministro delle Finanze Siniša Mali ha poi parlato delle attività di costruzione delle strutture per l’EXPO 2027. “Nel 2027 la Serbia sarà il centro del mondo. Belgrado ha battuto America, Thailandia e Argentina per ospitare questo evento. È un grande privilegio per noi”, ha detto Mali.

Ha detto che le strutture dell’EXPO si estenderanno su 250 ettari di terreno e che, oltre alla struttura che ospiterà l’evento stesso, vi saranno costruiti un complesso residenziale, un centro idrico e uno stadio nazionale; che si stavano installando le reti idriche e fognarie necessarie e che tutto doveva essere completato entro dicembre 2026.

“Nuovo ponte entro il 2027”

Secondo Mali, Belgrado avrà una nuova stazione ferroviaria a Novi Beograd che sarà collegata con la stazione principale degli autobus, che diventerà operativa nei prossimi mesi.

(Politika, Blic, 21.01.2024)

https://www.blic.rs/biznis/privreda/vucic-obracanje-predsednik-predstavlja-program-skok-u-buducnost-srbija-expo-2027/tb52h4h

https://www.politika.rs/scc/clanak/595228/Skok-u-buducnost-u-sest-koraka

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!