Vucic: presto il nome del nuovo Primo Ministro

Il neo eletto Presidente Aleksandar Vucic ha dichiarato di essere “vicino a decidere” chi gli succederà per la carica di primo ministro, che attualmente egli ancora ricopre: al momento sono due o tre candidati in corsa.

“Alcuni di loro sono membri del partito, alcuni non lo sono”, ha chiarito Vucic, aggiungendo che rivelerà il nome del nuovo Primo Ministro nei prossimi trenta giorni.

Quando gli è stato chiesto da un giornalista se i Ministri Ana Brnabić, Ivica Dacic e Dusan Vujovic figurano tra i candidati a primo ministro, Vucic ha risposto che “alcuni di loro sì, e alcuni di loro no”. Commentando la possibilità di suscitare malcontento investendo della carica una personalità non appartenente al Partito Progressista Serbo (SNS), di cui è leader, Vucic ha dichiarato che “ci sono sempre quelli insoddisfatti”.

Ci sono persone molto diverse all’interno del SNS, ha affermato, “dai liberali civili, a nazionalisti e comunisti”. L’SNS ora gode del sostegno popolare del 57-58%, Vucic ha affermato, aggiungendo che tale risultato appare senza precedenti nella storia della politica serba. Il premier ha quindi paragonato il proprio partito all’Unione Democratica tedesca. “Quando ci sono persone di diversi profili, proprio come aveva Konrad Adenauer nel momento della fondazione del CDU, possono verificarsi certamente alcuni problemi e insoddisfazione”.

Vucic ha fatto riferimento anche alla possibilità di licenziare i dirigenti dell’emittente televisiva nazionale RTS, idea proposta dal Ministro del Lavoro Aleksandar Vulin. “Tutti i gialli sono rimasti lì (in RTS)”, ha commentato Vucic utilizzando un termine peggiorativo che indica i membri del Partito Democratico (DS), al potere fino al 2012; tuttavia non ha specificato chi sarebbe “giallo” in RTS.

Vulin ha sostenuto che i redattori di RTS sono stati “spaventati” dalle proteste in corso in Serbia, dando loro troppo spazio nei programmi principali di notizie: anche i manifestanti hanno anche chiesto la rimozione della dirigenza di RTS, giustificando però la loro richiesta accusando questi ultimi di essere schierati dalla parte di Vucic, il quale non ha sostenuto né rifiutato il suggerimento di Vulin.

(Independent Balkan News Agency, 17.04.2017)

http://www.balkaneu.com/vucic-to-pick-a-new-prime-minister/

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, proteste, RTS
“Protesta contro la dittatura”: la guida per comprendere cause e richieste del movimento

Video testimonia brogli elettorali: la polizia avvia un’indagine

Chiudi