Vucic: “Non abbiamo via d’uscita, ci hanno messi all’angolo. I serbi da settembre lasceranno del tutto le istituzioni di Pristina e dal primo ottobre anche la polizia”

Il Presidente della Serbia Aleksandar Vucic si è rivolto alla nazione oggi a seguito dei colloqui di giovedì scorso a Brussels sulla questione del Kosovo. Vucic ha affermato che il messaggio chiave per i serbi in Kosovo e Metohija è che, “qualunque cosa accada, non ci sarà nessuna colonna di profughi. Salveremo le persone dalle persecuzioni e dai pogrom”, ha sottolineato il presidente, il quale ha riferito che i rappresentanti dei serbi gli hanno detto che, se la persecuzione non verrà fermata, nel prossimo mese i politici serbi lasceranno le istituzioni di Pristina, e poi entro la fine di settembre se ne andranno anche poliziotti, giudici e pubblici ministeri.

Vucic detto che Pristina ha due obiettivi: l’abolizione dello stato serbo in Kosovo e Metohija e l’espulsione dei serbi. Il messaggio chiave per i serbi in Kosovo e Metohija è che, qualunque cosa accada, non ci saranno colonne di profughi, ha detto Vučić. Il presidente Vučić ha dichiarato che la delegazione di Pristina a Bruxelles si è offerta di discutere il cosiddetto accordo generale. “Ho detto che dovremmo procedere passo dopo passo, per creare fiducia in modo che le persone inizino a collaborare, in modo che gli uomini d’affari inizino a collaborare, a non essere d’accordo, ma non ad essere sorpresi”, ha detto Vučić, il quale ha sottolineato che tutti i tipi di attività di intelligence sono state intensificate nel nord del Kosovo e Metohija.

Il Presidente della Serbia ha riferito che i rappresentanti dei serbi gli hanno detto che, se la persecuzione non verrà fermata, nel prossimo mese i politici serbi lasceranno le istituzioni di Pristina, e poi entro la fine di settembre lasceranno le istituzioni kosovare anche i poliziotti, i giudici e i pubblici ministeri.

Giovedì Vucic ha detto da Bruxelles, dove ha partecipato ai colloqui tra Belgrado e Pristina, che è stata una giornata difficile per la Serbia e ha sottolineato che continuerà a lottare per la pace e la stabilità. Tra dieci giorni, secondo gli annunci, Pristina metterà in atto le decisioni sulla reimmatricolazione dei veicoli e delle carte d’identità, che aveva originariamente abbandonato a fine luglio. Il direttore dell’Ufficio per il Kosovo e Metohija, Petar Petković, ha reagito all’annuncio di Pristina e ha valutato che le strutture politiche a Pristina sono gestite da estremisti che non riconoscono affatto il valore del dialogo e della risoluzione pacifica dei problemi. La missione KFOR ha risposto alle crescenti tensioni. Ha annunciato che lungo i valichi amministrativi di Jarinje e Brnjak sta aumentando la sua presenza e il pattugliamento per aumentare la consapevolezza della situazione. Sono pronti, come hanno aggiunto, ad intervenire se necessario.

Dopo la dichiarazione ai media Vucic ha detto che è dal 1999, da quando l’accordo di Kumanovo e la Deliberazione ONU 1244 sono state rese carta straccia, che è in corso una campagna di terrore nei confronti dei serbi del Kosovo: “Questo ha portato a oltre 200.000 esuli, che hanno perso le loro proprietà, mentre molti sono stati uccisi. “Ora sono determinati a espellere i serbi dal nord del Kosovo come l’ultimo osso in gola”, ha detto Vučić e ha aggiunto: “Il messaggio chiave per i serbi in Kosovo è che, qualunque cosa accada, non ci saranno colonne di profughi e salveremo la nostra gente dai pogrom”.

“Chiedo alla Nato di fare il suo lavoro”

Il presidente ha chiesto alla Nato di fare il suo lavoro, di assicurare la pace ai serbi del nord, affinché non siano minacciati dalla polizia albanese. “Spetta a voi assicurarvi che la banda non attraversi l’Ibar. Per voi sono un problema le barricate, non le decisioni criminali”, ha sottolineato Vučić, ricordando che per l’ingresso al nord va richiesta l’approvazione del sindaco.

“Non abbiamo nessun posto dove andare, siamo messi alle strette, per quanto riguarda Kosovo e Metohija”

Non abbiamo nessun posto dove andare, siamo messi alle strette per quanto riguarda Kosovo e Metohija, e il nostro messaggio chiave oggi, alla nostra popolazione del Kosovo e Metohija, è il seguente: non importa cosa e qualunque cosa, le colonne di profughi non si verificheranno, salveremo la nostra gente in Kosovo”. 

Vučić. Vucic ha affermato che la delegazione di Belgrado di altissimo livello a Bruxelles, qualche giorno fa, in continuazione del dialogo con Pristina, aveva quattro compiti:

“In primo luogo, fare tutto ciò che è in nostro potere per preservare la pace, la stabilità, la sicurezza e la protezione. In secondo luogo, abbiamo dovuto evitare la condanna generale dell’Occidente contro la Serbia, che non siamo stati abbastanza per un compromesso, che non abbiamo avuto idee e proposte su come raggiungere un compromesso, ha affermato Vučić. Ha aggiunto che non siamo soli al mondo, ma che, per quanto piccoli, dobbiamo prenderci cura di noi stessi, ma anche tenere conto della forza degli altri. “In terzo luogo, dovevamo, e questo era molto importante per noi, preoccuparci di come apparirà in tutte le parti del mondo, se saremo dichiarati come qualcuno che compie aggressioni, porta all’instabilità e all’insicurezza, o lo faremo dare più del possibile, per vedere che l’altra parte è quella che non vuole nulla, ma porta instabilità, rivolte, conflitti e guerre”, ha detto Vučić. E il quarto punto, ha aggiunto, è garantire la sopravvivenza della nostra gente in Kosovo, ha sottolineato Vučić.

“Cercheremo freneticamente un compromesso, spero che ci riusciremo”

Vučić ha detto che la situazione è molto difficile: “Cercheremo freneticamente un compromesso nei prossimi 10 giorni. Spero che ci riusciremo”, dice Vučić. “Temo”, nota egli, che anche se ci riusciremo, la prossima curva che ci attende. “Temo che il Rubicone sia stato attraversato molto tempo fa”, ha detto Vučić.

Fonti: https://www.rts.rs/page/stories/ci/story/1/politika/4928147/vucic-pregovori-brisel-kosovo-metohija.html

http://www.nspm.rs/hronika/aleksandar-vucic-sastace-se-danas-sa-predstavnicima-srba-sa-kim-nakon-toga-se-obraca-gradjanima.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top