Vucic: mi dimetterò in caso di sconfitta alle presidenziali

Il Primo Ministro serbo e candidato ufficiale della coalizione di governo alle elezioni presidenziali del prossimo 2 aprile, Aleksandar Vucic, ha annunciato che se non dovesse essere eletto presidente, si dimetterebbe dal suo incarico di primo ministro.

Rispondendo alle domande poste dai telespettatori, Vucic ha confermato l’opzione di rassegnare le dimissioni nel caso di sconfitta alle elezioni perché “ammettere la sconfitta è una regola democratica fondamentale”.

“Ho fatto lo stesso dopo le elezioni per il sindaco di Belgrado, quando il candidato vincente aveva solo lo 0,5% in più di voti. Non l’ho fatto il giorno seguente, o più giorni dopo, non ho consultato ambasciatori stranieri. L’ho fatto la sera stessa, quando mi sono congratulato con il sindaco Nenad Bogdanovic. E’ stato nel 2004”, ricorda Vucic.

Il Primo Ministro ha anche confutato le affermazioni che lo vedono coinvolto nell’annullamento del concerto del popolare cantante Vlado Georgiev, che avrebbe dovuto tenersi la settimana scorsa a Smederevo. In un’intervista per PINK TV, Vucic ha definito tali indiscrezioni “bugie” che i suoi avversari politici hanno diffuso. “Nessuno ha annullato il concerto. Essendo intenzionato Georgiev a tenere il concerto presso il Centro culturale locale, l’unico problema è sorto quando le autorità locali gli hanno chiesto se avrebbe pagato per la sede in anticipo o utilizzando il ricavato dei biglietti (e la vendita dei biglietti non stava andando così bene). Successivamente, il permesso per suonare presso il Centro gli è stato negato, ma gli è stato concesso nella piazza principale della città”, spiega Vucic.

Vucic accusa le cosiddette élite di alimentare “le bugie”, dal momento che “non sono interessate ai problemi reali della gente”.

“Ecco perché hanno insistito sul caso Savamala. Mi è stato chiesto da almeno una cinquantina di giornalisti di esprimere la mia opinione sul caso Savamala, eppure nessuno mi chiede se ci saranno sparatorie e omicidi come in Macedonia in questo momento. Questo è quello a cui la gente comune è interessata, mentre le finte élite sono interessate a questo. Non ai veri problemi”, sostiene Vucic, aggiungendo: “Il modo in cui demolizione è stata effettuata è sbagliato e i responsabili dovrebbero essere individuati, ma si tratta solo di un episodio minore sui cui (l’élite) continuerà a spingere. Non sono interessati all’apertura di nuove fabbriche”.

Commentando la campagna presidenziale, il Primo Ministro sostiene che sarà la più silenziosa mai organizzata, e che, negli ultimi tre anni, c’è stato solo un incidente grave in occasione delle elezioni, quando un membro del Partito progressista serbo venne aggredito e gravemente ferito.

(Politika, 06.03.2017)

http://www.politika.rs/sr/clanak/375681/Vucic-Ako-izgubim-izbore-vise-necu-biti-ni-premijer
[widget id=”text-22″]

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top