Vučić: “L’indipendenza del Kosovo non è e non sarà argomento di conversazione”

Ieri il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha negato le indiscrezioni secondo cui il risultato dell’incontro a Washington sarà il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo, e ha aggiunto che non è e non sarà un argomento sul tavolo delle discussioni.

“Mi vergogno di rispondere a questa indiscrezione. Non sarà un argomento, né permetteremo che lo sia. Se qualcuno ne parla, vuol dire che lo farebbe al posto mio”, ha detto Vucic ai giornalisti quando gli è stato chiesto un commento alle affermazioni di alcuni rappresentanti dell’opposizione secondo cui dopo l’incontro a Washington la Serbia riconoscerà l’indipendenza del Kosovo, il 28 giugno giorno di Vidovdan.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

L’inviato speciale del Presidente degli Stati Uniti, Richard Grenell, ha annunciato su Twitter lunedì scorso di aver ricevuto rassicurazioni dai governi della Serbia e del Kosovo che avrebbero rispettivamente sospeso la campagna di revoca del riconoscimento, e le richieste di adesione a organizzazioni internazionali, per incontrarsi il 27 giugno alla Casa Bianca.

Vučić ha ribadito la sua totale disponibilità ai colloqui, ma ha affermato di non vedere alcuna soluzione sostanziale che possa essere ugualmente accettabile o inaccettabile da entrambe le parti, aggiungendo che resta da vedere se la parte albanese abbia effettivamente accettato di sospendere la politica di lobby per portarla a essere parte di organizzazioni internazionali.

“Sarà un periodo difficile. Miroslav Lajcak verrà qui, dopo le elezioni andrò a Mosca, e poi dovremo decidere quale delegazione andrà a Washington. E dopo ci saranno alcuni incontri importanti di cui non posso nemmeno parlare…Nel pomeriggio ho cinque conversazioni telefoniche con persone provenienti dall’Europa e dal mondo. Naturalmente questo non è un periodo facile, ma stiamo combattendo per i nostri interessi nazionali e statali”, ha detto il Presidente.

Vucic ha aggiunto che non vuole fare l’eroe perché la Serbia è un piccolo Paese e non può permettersi il lusso di farsi nemici le grandi potenze, e ha invitato tutti coloro che sostengono che la Serbia riconoscerà l’indipendenza del Kosovo di smetterla con le bugie e di lasciarlo lavorare seriamente.

https://naslovi.net/2020-06-16/beta/vucic-nezavisnost-kosova-nije-i-nece-biti-tema-razgovora/25607243

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Casa Bianca, Grenell
La Serbia firmerà l’indipendenza del Kosovo il 27 giugno?

Vučić: “Putin in Serbia ad ottobre, spero che tutto proceda senza incidenti in Montenegro”

Close