Vucic insignito del massimo ordine della Chiesa ortodossa

La Chiesa ortodossa serba ha consegnato ieri la sua più alta decorazione al Presidente serbo Aleksandar Vucic, nonostante una certa opposizione da parte dei chierici più anziani, i quali ritengono che la Chiesa non dovrebbe avere nessuna affiliazione politica.

A Vucic è stato consegnato l’Ordine di San Sava di 1° grado per il suo “amore per la Chiesa e l’instancabile lotta per l’integrità della Serbia, in particolare per mantenere il Kosovo e Metohija al suo interno”, ha dichiarato il capo della Chiesa, il Patriarca Irinej, durante una cerimonia ieri in occasione dell’800° anniversario dell’indipendenza della Chiesa ortodossa serba.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Irinej ha avvertito che “non dobbiamo dare via un solo piede della nostra santa terra serba di Kosovo e Metohija”, facendo riferimento al Kosovo col suo nome completo usato sia dallo Stato serbo che dalla chiesa. Il Patriarca ha affermato che la Chiesa ha tutte le ragioni per dare la sua massima decorazione al Presidente serbo. “Ha fatto grandi cose per tutta la Serbia e il suo futuro. Il nostro era un Paese noto in Europa e altrove, i suoi “amici” lo presentavano come un Paese genocida e attribuivano i loro crimini al popolo serbo che, purtroppo, li accettava”, ha detto.

Secondo il patriarca Irinej, “il Presidente ha aperto le strade dell’Europa e del mondo alla Serbia e oggi, dopo tutti i suoi sforzi, la Serbia è vista diversamente. “Prima di lui la Serbia era ferma e ora la sua economia avanza, è stato fatto un grande passo in avanti e vediamo tutti cosa si sta facendo e come”, ha detto.

Il Patriarca ha poi constatato che ci sono alcune persone malintenzionate che sostengono che Vucic tradirà il Kosovo: “Avrebbe potuto farlo molto tempo fa invece di combattere per mantenere la nostra terra santa in Serbia”, ha aggiunto, aggiungendo che il destino del Kosovo dipende dalla Serbia: “Non daremo un solo metro della nostra santa terra serba. Accetteremo un compromesso e ce lo aspettiamo, ma non regaleremo nulla”.

Il più alto organo della chiesa, il Santo Sinodo, ha assegnato a Vucic e al Patriarca l’Ordine di San Sava di 1° grado, mentre Milorad Dodik, membro della presidenza della Bosnia-Erzegovina, ha ricevuto il più basso Ordine di San Simeone.

L’ordine prende il nome dal fondatore della Chiesa ortodossa serba.

https://www.slobodnaevropa.org/a/30206353.html 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Chiesa ortodossa, Kosovo, Ordine di San Sava
Albin Kurti: “Ci deve essere almeno un serbo nel nuovo governo del Kosovo, ma non vogliamo membri della Lista serba”

E’ il tempo della “Realpolitik” in Kosovo

Close