Vucic incontra il Ministro Amendola: l’Italia vuole accelerare i colloqui Serbia-UE

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha incontrato ieri il Ministro italiano per gli affari europei, Vincenzo Amendola, il quale ha affermato di portare un messaggio forte a Belgrado a sostegno dell’allargamento dell’Unione europea ai Balcani occidentali.

Amendola ha sottolineato che l’Italia vuole che la nuova Commissione europea, sin dall’inizio del suo mandato, abbia un piano chiaro che comporti l’accelerazione dei negoziati con la Serbia:

“L’allargamento ai Balcani occidentali, quale priorità geopolitica, sarebbe un passo storico per l’UE”, ha affermato il Ministro.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il Presidente Vucic ha ringraziato l’Italia per il continuo sostegno all’integrazione europea della Serbia, in particolare per gli intensi sforzi dell’Italia volti a mantenere le integrazioni europee della Serbia e della regione al centro del programma politico dell’UE nel prossimo periodo.

A tale proposito, ha elogiato il messaggio dei 16 membri dell’UE alla Commissione europea, tra cui l’Italia, che l’integrazione europea è il modo migliore per raggiungere una stabilità e una sicurezza durature nei Balcani occidentali, nonché la proposta per una nuova metodologia preparata dall’Italia con altri otto membri dell’UE.

Il Presidente serbo ha affermato che la Serbia sta proseguendo il processo di riforme necessarie per aderire all’Unione europea. Allo stesso tempo, ha espresso la necessità di un chiaro piano strategico per l’allargamento dell’UE e un calendario per l’adesione, poiché il processo di integrazione europea è importante per la pace e la stabilità nella regione.

Lo stesso ha sottolineato che la Serbia, con lo stesso obiettivo di stabilità regionale, continuerà a promuovere una politica di pace e cooperazione.

Il Ministro Amendola ha affermato che l’iniziativa di attuare le quattro libertà, circolazione di persone, merci, servizi e capitali nei Balcani occidentali è molto significativa per la regione e che l’Italia la sostiene fermamente.

I due hanno parlato con soddisfazione del livello delle relazioni bilaterali tra Serbia e Italia, che quest’anno raggiungono i dieci anni dalla creazione della partnership strategica e i 140 anni dall’inizio delle relazioni diplomatiche, affermando che l’obiettivo comune è quello di cogliere tutte le opportunità per rafforzare la cooperazione economica e qualsiasi altra cooperazione e che i due Paesi dovrebbero continuare la pratica di tenere sessioni congiunte dei rispettivi governi.

Il Ministro italiano ha concluso dicendo che la comunità imprenditoriale italiana è molto soddisfatta delle condizioni commerciali in Serbia e che il loro interesse a espandere gli affari è evidente.

https://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2019&mm=12&dd=17&nav_category=1262&nav_id=1631797

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Amendola, Italia
L’Italia ambasciatrice nel percorso europeo della Serbia

Gojkovic
Maja Gojkovic: “Le elezioni non saranno a marzo”

Chiudi