Vucic: “In Serbia coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino”

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha annunciato ieri sera il coprifuoco nel Paese a causa del coronavirus. Da oggi, dalle 20 di sera alle 5 del mattino, viene introdotto il divieto di circolazione di tutte le persone, ad eccezione dei rappresentanti delle autorità competenti responsabili e di coloro che svolgono un lavoro notturno.

Il divieto di movimento tra le 20 e le 5 è stato introdotto perché durante questo periodo, al chiuso in occasione di compleanni, feste, celebrazioni varie e feste in famiglia, le persone hanno dei contatti molto più stretti, cosa che rappresenta un ulteriore rischio per la diffusione del virus.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Il problema dei bar lo abbiamo già parzialmente risolto. Abbiamo aumentato i metri quadrati prescritti che devono essere lasciati per ogni cliente, il che riduce la possibilità di assembramenti e qualsiasi pericolo per la salute dei presenti”, ha dichiarato Vucic nella conferenza stampa.

“Eventi come compleanni, feste, riunioni di famiglia comportano invece un contatto più stretto, senza misure prescritte al chiuso e questo vogliamo evitarlo a tutti i costi; vogliamo che le persone restino in casa, non vadano nei club, non vadano nei posti chiusi. Sebbene non possiamo controllare i movimenti completamente, possiamo controllare il passaggio verso quei luoghi” ha detto Vucic.

Lo stesso ha annunciato misure più rigorose per gli over 65:

“A partire da oggi alle 10, è vietata l’uscita in tutte le ore del giorno alle persone di età superiore ai 65 anni nelle città, nelle zone rurali alle persone di età superiore ai 70 anni. Se necessario, il limite sarà ridotto a 65 anche nelle aree rurali. Devono rimanere nelle loro case, per favore i nostri anziani lo capiscano. Cercheremo di raggiungere tutte le case con l’aiuto di giovani sotto i 25 anni. Dove è impossibile, apriremo dei negozi in modo che possano loro stessi fare acquisti ogni domenica dalle 4 alle 7 del mattino quando nessuno è per strada”.

Le sanzioni, ha annunciato il Presidente, saranno molto dure per coloro che violano l’isolamento.

“La polizia controllerà le persone dall’estero che sono venute in Serbia, anche se è stato chiesto loro di non venire. Su poco più di 7.000 persone spedite in isolamento, più di 5.000 sono stati trovati a casa mentre più di 1.650 non erano nelle loro case”, ha sottolineato Vucic.

Secondo lui, l’esercito serbo prenderà il controllo di tutti i valichi di frontiera chiusi, ospedali e centri per i migranti.

“Per favore non attaccate il nostro esercito, devono proteggere gli ospedali, in modo che il coronavirus non entri nei nostri ospedali” ha detto Vucic, aggiungendo che a causa del coronavirus l’obiettivo è quello di abolire il trasporto urbano e interurbano, i treni e il traffico in generale.

“Gli alimenti ci sono, non vi preoccupate”

“Per quanto riguarda i prodotti alimentari, la situazione è buona. Abbiamo un sacco di cibo da dare anche ai nostri vicini nella regione. Penso in particolare alla RS e alla BiH, alla Macedonia del Nord e forse al Montenegro”.

Vucic ha anche aggiunto che ci sono riserve di farina per due anni:

“Al momento abbiamo un milione di tonnellate di grano, questo è sufficiente per 10 mesi. Abbiamo cibo più che sufficiente”.

I salari non diminuiranno, nessun licenziamento.

Vucic ha continuato dicendo che i salari non diminuiranno e che non vi saranno licenziamenti nel settore pubblico, poiché il bilancio è in buone condizioni.

“Ora avremo un po’ più di denaro a causa del deprezzamento del dollaro che ha ridotto il nostro debito pubblico. Abbiamo un’economia solida e stabile e tutte le mamme che hanno dei figli di età inferiore ai 12 anni saranno in grado di rimanere a casa, a stipendio pieno”.

Non vieteremo i social network

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha aggiunto che non ci saranno restrizioni sui social network. Ha ricordato che alcuni post, come ad esempio le “fake news” per diffondere il panico, saranno sanzionati come reato.

La Cina ci sta inviando aiuto

“Il mio appello di due notti fa ha ricevuto molta attenzione, e ora molte aziende vogliono aiutarci. La Cina ci sta inviando molto aiuto, tutto ciò che abbiamo chiesto è stato approvato” ha detto Vucic, rivelando che la prima consegna importante è prevista per sabato mattina.

Il Presidente ha ribadito di essere eternamente grato alla Cina e al presidente Xi Jinping per l’aiuto e il supporto, aggiungendo che i colloqui con i partner cinesi lo rendono felice in questa situazione.

“La Cina sta prestando attenzione alla Serbia. Anche “Alibaba” e altre società hanno contattato la nostra ambasciata in Cina perché vogliono aiutarci” ha detto Vucic.

Ha aggiunto che la Cina sta inviando molto aiuto, inviando anche degli esperti per il virus, sottolineando che non c’erano materiali e macchinari che la Cina non abbia fornito.

“Tutto ciò che abbiamo chiesto e che ci è venuto in mente, i nostri fratelli cinesi, guidati da un grande leader, hanno approvato”, ha ringraziato Vucic.

La prima consegna importante di materiale è prevista sabato mattina e lui stesso andrà all’aeroporto per ringraziare ancora una volta la Cina per il suo aiuto.

Come sottolineato, il suo più grande desiderio è quello di dare il benvenuto a Xi in Serbia, dove crede che oltre mezzo milione di persone lo accoglierebbero.

Cosa significa il coprifuoco

Il coprifuoco è una misura amministrativa che limita la circolazione dei cittadini per mantenere la sicurezza pubblica, ad eccezione di un determinato periodo di tempo durante il giorno che viene deciso dall’autorità competente. Ciò significa in pratica che i cittadini non sono in grado di uscire dalle loro case se non nei tempi indicati dalle autorità competenti eccetto in situazioni in cui l’uscita è improrogabile.

Il coprifuoco è introdotto come misura durante lo stato di emergenza in un Paese. Fino ad ora, di solito è stato correlato alle ore notturne, ma in una situazione di epidemia da virus potrebbe durare un’intera giornata.

Qualsiasi persona trovata per strada durante il coprifuoco può essere detenuta e successivamente multata dalle autorità per aver agito in contrasto con le decisioni dello Stato.

A causa della rapida diffusione del coronavirus, la stessa misura è stata introdotta in altri Paesi europei come Italia, Spagna, Francia, Austria…

Numeri di telefono importanti

Numero speciale del Ministero della Salute per informazioni sul COVID-19: 064 8945 235

Istituto di sanità pubblica della Serbia “Dr Milan Jovanovic Batut”: 011 2684 566

Siamo responsabili verso noi stessi e gli altri.

https://www.blic.rs/vesti/drustvo/policijski-cas/qswc4vl

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Coprifuoco
elezioni
Oggi si decide sul (quasi sicuro) rinvio delle elezioni politiche di aprile

Il Presidente serbo dichiara lo stato di emergenza nel Paese

Chiudi