Vucic: “Per gli occidentali il Kosovo è un capitolo chiuso”

I paesi occidentali non vogliono discutere sul fatto a chi appartenga realmente il Kosovo, pensano che sia un capitolo concluso. Come ha sottolineato Vucic, Belgrado non sta solo negoziando con gli albanesi, ma anche con quelli che stanno amministrando la regione del Kosovo. Ha spiegato che durante il suo soggiorno in America ha avuto molte conversazioni approfondite con persone che hanno molto peso sulla questione.
“Mi sembra che siano fermi sul principio del rispetto e della salvaguardia dell’indipendenza del Kosovo, il che è molto difficile per noi”, ha annunciato il presidente in un discorso fatto da New York, dove ha incontrato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antoniou Guterres. .
Vucic ha anche sottolineato di non essere particolarmente soddisfatto dei risultati dei colloqui in America e che si aspetta una maggiore comprensione, non solo per i serbi in Kosovo e in Metohija, ma anche per la Serbia stessa. Tuttavia, ha sottolineato di essere soddisfatto degli sforzi e del lavoro compiuto dalla Serbia. “Parliamo del futuro della Serbia e del Kosovo ed è da molto tempo che proviamo a trovare un compromesso: la parte albanese sta facendo il suo lavoro, la comunità internazionale il suo, e noi di portare la Serbia alla superficie, nonostante ci siano stati brutti periodi”, ha detto Vucic.
Durante i colloqui con il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antoni Guterres, il presidente ha affermato che la Serbia è pronta a dei compromessi, ma che non sacrificherà i suoi interessi.
Vucic ha detto che non ha mai partecipato a cene “segrete” con il presidente del Kosovo Hashim Thaci, ha aggiunto, che “sarebbe più facile giungere ad un “accordo” con gli albanesi del Kosovo che con i rappresentanti della comunità internazionale. “Avremmo molto più facilmente risolto i problemi tra di noi, purtroppo però, nessuno ci dà l’opportunità di dialogare”, ha spiegato .
“Lotteremo per il nostro paese quì a New York, a Londra, a Bruxelles, a Parigi, a Mosca,a  Pechino ed a Berlino. Mentre sarò presidente, non umilierò la Serbia e per compromessi e dialogo sarò sempre pronto “, ha concluso Vucic.

Sappiamo cosa vuole Berlino
Alla domanda di commentare l’intenzione di Pristina di formare un esercito, Vucic ha detto di averne parlato con Guteres.”Era importante anche per me, ci tenevo ad avere una prova dell’incontro, e di avvertire chi di dovere su tutto quello che sta accadendo. Non hanno il diritto di formare un esercito del Kosovo in alcun modo”, ha detto Vucic, aggiungendo che certamente ne discuterà anche con la parte albanese.Ha anche commentato: “Sappiamo cosa vuole la Germania e cosa no”, aggiungendo che l’assistente Segretario di Stato americano Mitchell, con il quale si incontrerà oggi o domani, non ha portato alcun documento all’incontro di Belgrado.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top