Vucic annuncia: “Firmato l’accordo a Brussels, costituita l’Unione dei Comuni serbi in Kosovo””

Il premier Aleksandar Vucic ha dichiarato per la RTS che a Bruxelles “è stato raggiunto un accordo su tutti i temi. Ora ho un messaggio per il nostro popolo che vive in Kosovo e Metohija: abbiamo raggiunto ottimi accordi, sarà costituita l’Unione dei comuni serbi con vaste competenze”, ha detto Vucic e ha aggiunto che il popolo serbo ha un motivo per essere soddisfatto. “Gli accordi firmati tra Belgrado e Pristina rappresentano un risultato miliare, ritiene l’Alto rappresentante EU Federica Mogherini.

Dopo le negoziazioni odierne che sono durate tutto il giorno a Bruxelles, il premier Aleksandar Vucic ha detto che sono stati raggiunti gli accordi circa la costituzione dell’unione dei comuni serbi, la telecomunicazioni, il parco della pace e l’energia e che tutti gli accordi sono stati firmati.

“Ora ho un messaggio per il nostro popolo in Kosovo e Metohija, abbiamo raggiunto ottimi accordi i quali garantiscono loro non solamente la sicurezza, ma anche il mantenimento dei posti di lavoro”, ha rilevato il premier che ha presieduto la delegazione serba per le trattative di oggi tra Belgrado e Pristina a Bruxelles.

Il premier ha rilevato che è stata costituita l’Unione dei comuni serbi che avrà vaste competenze. “Essa avrà un proprio presidente e vicepresidente, prenderà le decisioni circa la sanità, l’istruzione, la pianificazione urbana e rurale, lo sviluppo economico”, ha detto Vucic e ha aggiunto che è molto importante anche il fatto che l’Unione dei comuni serbi potrà essere finanziata dalla Serbia senza imposte, tasse e dazi.

“Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro per il nostro popolo, tutti gli accordi saranno resi pubblici. Andrò in Kosovo e Metohija in tutti i dieci comuni serbi e mi rivolgerò al nostro popolo e penso che saranno soddisfatti per quanto p stato raggiunto“ dice il premier.

Ha spiegato che le negoziazioni  sono state moderate dai rappresentanti dell’Unione europea e che la delegazione serba, in linea con quanto annunciato precedentemente, solamente a fine giornata si è incontrata con gli albanesi.

Vucic ha dichiarato che per primo è stato raggiunto l’accordo sulle telecomunicazioni e, ha sottolineato, per la prima volta dal 1999 che la Serbia “è riuscita a legalizzare la propria posizione“. “C’è chi si lamenta per i prefissi. Si dimenticano che ancora oggi i serbi del Kosovo chiamano le città della Serbia solo con il prefisso locale e senza prefissi internazionali, e così viceversa, quando chiamiamo Mitrovica componiamo solo lo 028”.

Il premier ha sottolineato che con l’accordo la Telekom è stata riconosciuta e che la „Elektrodistribucija Srbije“ avrà una controllata in Kosovo che farà da fornitore e distributore dell’energia elettrica.

“Quanto all’energia, hanno cercato di ingannarci relativamente alle proprietà”, ha aggiutnto Vucic, che ha sottolieato che la parte serba non lo ha accettato. Proprio per questo motivo le negoziazioni più difficili sono state quelle relative al settore energetico e alcuni punti sono stati irrisolti. “Ci saranno dei problemi. Non ci siamo accordati circa l’operatore del sistema distributivo e sta scritto nell’accordo che ci è stato un nulla di fatto sul questo punto“ ha dichiarato il premier. Come ha detto, non è chiaro perché la parte albanese insiste così tanto ad affermare che la loro proprietà sui beni del settore energetico.

“Questo problema non è sorto né per quanto riguarda la Telekom né per quando concerne la giustizia, solamente sull’energia. Temo che dietro ci siano altri motivi”, ha stimato il primo ministro.

Quanto alla libertà di circolazione, attraverso il ponte a Kosovska Mitrovica il premier ha detto che la delegazione di Pristina ha voluto aprire la via Kralja Petra, ma questa rimarrà zona pedonale.

Il premier ha sottolineato che gli accordi a Bruxelles sono importanti per tutta la Serbia perché portano all’apertura dei capitoli negoziali con l’UE. “Penso che abbiamo raggiunto più di quanto ci si aspettava. Di solito queste sono cose molto difficili, però io non ho brutte notizie. Non sono insoddifsatto con quanto raggiunto e posso dire con felicità che a settembre andro dal nostro popolo in Kosovo e Metohija. Ci passerò due giorni”, ha detto Vucic e si è congratulato per la costituzione dell’Unione dei comuni serbi.

L’annuncio di Federica Mogherini

fedemog_twitter_zajednicaL’Alto Rappresentante per la politica estera e la sicurezza dell’Unione europea Federica Mogherini ha comunicato via Twitter alle 19.58 il raggiungimento dei quattro accordi tra Belgrado e Pristina.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top