Vučić: “A gennaio il via alla vaccinazione di medici e personale sanitario”

La conferenza di fine anno del Presidente della Serbia è iniziata ieri alle 13, a cui hanno partecipato anche i Ministri Zlatibor Lončar e Darija Kisić Tepavčević. Vucic ha affermato che la priorità della Serbia nel prossimo anno, nonostante le complesse circostanze internazionali e regionali, è preservare pienamente la pace e la stabilità e gli interessi nazionali e statali.

Vucic ha sottolineato che il secondo obiettivo più importante è prendersi cura della salute dei cittadini, così come sconfiggere il virus, ma anche migliorare il sistema sanitario. Il terzo obiettivo importante è migliorare ulteriormente gli standard di vita dei cittadini serbi.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Ci aspettiamo di concludere il prossimo anno con un tasso di crescita del 6%, senza che il livello del debito pubblico superi il 60%. Non dobbiamo lasciare debiti e oneri ai nostri figli”, ha detto Vucic.

L’obiettivo è che lo stipendio medio raggiunga i 560-570 euro entro la fine dell’anno, mentre a Belgrado arrivi intorno ai 700 euro. Vučić ha ricordato che gli aumenti salariali del 5% per gli operatori sanitari, e successivamente per il personale militare, inizieranno il 1° gennaio.

“Per quanto riguarda le pensioni, l’obiettivo è di aggirarsi intorno ai 270 euro entro la fine dell’anno, e l’idea è quella di continuare ad aumentare i benefici per i più anziani”, ha detto il Presidente.

Vučić ha ricordato che sono stati aperti due nuovi ospedali covid e che la ristrutturazione e la costruzione di strutture sanitarie in tutta la Serbia continuerà, rimarcando la costruzione della nuova ala della Clinica per le malattie infettive e del KCV.

“Assicureremo le vaccinazioni come meglio possiamo, ne abbiamo tutte le capacità. Ci aspettiamo circa 76 o 77000 vaccini “Pfizer” a gennaio, che arriveranno ogni settimana. Sarà sufficiente per i residenti delle case di cura, e mi aspetto di vaccinare i lavoratori di centri e ospedali Covid entro la fine di gennaio”, ha detto il Presidente e ha sottolineato di aspettarsi che anche il vaccino russo arrivi in ​​Serbia.

“Stiamo trattando con alcuni produttori occidentali, ma anche con i cinesi; spero che registrino presto i loro vaccini, in modo da poterli acquistare sul mercato”.

Il Presidente Vučić ha poi risposto agli attacchi di Meljiza Haradinaj Stuble, la Ministra degli Affari esteri del Kosovo, che ha accusato la Serbia di non rispettare l’accordo di Bruxelles vaccinando anche in Kosovo e Metohija.

“Per non rispondere più a sciocchezze. Fatemi vedere quel punto dell’accordo di Bruxelles. Ovviamente non abbiamo violato nulla e nessuna persona intelligente può pensare di farlo. Abbiamo adempiuto appieno all’accordo di Bruxelles, mentre loro no”.

Quando gli è stato chiesto quanto fosse soddisfatto del lavoro del governo, Vučić ha detto di essere soddisfatto di molti Ministri, mentre alcuni funzionari hanno mostrato una mancanza di entusiasmo.

Il Presidente ha poi rivelato quali sono le tre cose migliori dell’anno precedente a suo avviso e quali le tre peggiori.

“Sono contento della costruzione dei nuovi ospedali, di Batajnica e Krusevac, sono molto soddisfatto e hanno dato i loro frutti. Poi la sezione Preljina-Pozega e la ferrovia Belgrado-Novi Sad. E la terza cosa, lo stato di avanzamento dei lavori di “Beograd na vodi”, così come l’inizio della costruzione della metro. Inoltre, il fatto che la Serbia sia prima in termini di tasso di crescita è un risultato enorme”, ha detto Vucic.

Per quanto riguarda le cose cattive: il “corona virus, a causa di cui abbiamo perso molta gente, e brava gente. Il virus, perché il nostro risultato economico sarebbe ancora migliore se non ci fosse stata l’epidemia. E ancora il virus, perché abbiamo rovinato la vita sia dei nostri vecchi che dei nostri giovani. I vecchi legandoli a casa, ai giovani non dando una vita libera e normale”.

https://mondo.rs/Info/Srbija/a1416574/predsednik-srbije-aleksandar-vucic-godisnja-konferencija-za-medije.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Beograd na vodi, ospedali, stabilità
L’Unesco chiede chiarezza sui numeri del COVID

tonnies
I terreni della “Tonnies” dati in consegna ai potenti del posto

Chiudi