VOICE: Dati ingannevoli sulla disoccupazione in Serbia

Il Vojvodina Research-Analytical Center (VOICE) ha dichiarato che l’affermazione del Governo del calo della disoccupazione è solo una manipolazione, perché i dati dimostrano che il calo della disoccupazione è stato causato dall’immigrazione di massa.

“Un numero enorme di persone, specialmente di giovani, stanno lasciando il paese. Tra queste persone vi sono molti che non sono riusciti a trovare un lavoro qui in Serbia. Il tasso di occupazione sarebbe molto più basso se non fosse per questo fatto e le cifre ufficiali sulla disoccupazione sarebbero molto più alte, soprattutto perché sappiamo che le persone vengono rimosse dai registri di disoccupazione se non riferiscono regolarmente all’ufficio per l’occupazione”, ha spiegato il leader dell’Associazione Free and Independent Media, Ranka Savic per il  VOICE.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

L’economista Dragovan Milicevic, ha aggiunto che le cifre ufficiali dell’Ufficio statale di statistica mostrano che la popolazione è passata da 7,2 milioni a 7 milioni di persone negli ultimi sei anni.

“Ciò significa che il tasso di occupazione sarebbe aumentato anche se nessuno avesse trovato un lavoro, perché il tasso viene calcolato prendendo il numero di persone occupate tra i 20 e i 64 anni e lo si divide con il numero totale di persone di quell’età e di persone ce ne sono molte meno rispetto a sei anni fa”, ha detto a VOICE.

L’esperta di demografia, Daniela Arsenovic, ha avvertito che l’economia serba deve ancora affrontare le conseguenze dell’immigrazione di massa non solo perché le persone in età lavorativa se ne stanno andando, ma anche a causa del minor afflusso di soldi nel bilancio e nel fondo pensionistico statale. Le principali conseguenze saranno un calo della popolazione e l’estinzione di alcune parti del paese, ha aggiunto.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top