Crisi di liquidità e violazione dei termini di pagamento in Serbia

La Legge sui Termini e le Operazioni di Pagamento risulta ancora scarsamente applicata, soprattutto per quanto riguarda la clausola che prevede la risoluzione degli obblighi finanziari entro un periodo massimo di due mesi.

Nonostante i termini di pagamento di beni e servizi in Serbia non possano superare i due mesi, il tempo medio di attesa perché una fattura venga pagata è di 138 giorni. Il nuovo regolamento, a partire dal 1° gennaio 2016, prevede un periodo di 60 giorni per il pagamento nel caso di contratti stipulati tra società. Per quanto riguarda il settore pubblico, i termini sono ancora più brevi e si attestano a 45 giorni. A causa del ritardo nel pagamento delle fatture, molte aziende versano in una situazione non facile, caratterizzata dall’aumento del livello di illiquidità. Al fine di pagare l’IVA, gli stipendi e assolvere altri obblighi finanziari nei confronti dello Stato, le aziende spesso si vedono costrette a contrarre prestiti con tassi di interesse annui che vanno dal 12% al 14%.

“La mancanza di liquidità della nostra economia è cronicamente elevata ed è spesso influenzata dal basso potere d’acquisto. Negli ultimi anni, si è registrato un calo delle vendite al dettaglio, e, al fine di preservare il rapporto con la propria clientela, i negozianti consentono il pagamento differito, o in 12 rate. Tuttavia, questo periodo di attesa colpisce gli interessi dei fornitori che non vengono pagati in tempo per la merce consegnata”.

I ritardi più gravi si verificano nel caso dei pagamenti di fatture da parte dei governi delle autonomie locali, soprattutto quando si tratta di lavori svolti nei settori della sanità e dell’istruzione. In questi casi i termini di pagamento si estendono a cinque o anche sei mesi. Lo Stato dovrebbe reagire dunque bloccando, come già avvenuto in passato, il trasferimento di fondi a quegli enti locali che non rispettano i termini.

Il periodo medio di attesa dei pagamenti, nel caso delle grandi case di produzione nel settore alimentare si attesta a 90 giorni e, a volte, a più di 100 giorni. Nell’industria della carne, il periodo di attesa media è tra i 60 ei 85 giorni.

Nel suo percorso di adesione all’UE, la Serbia dovrebbe cercare di abbreviare i termini di pagamento: la direttiva UE prevede un periodo di pagamento di 30 giorni, ma alcuni paesi membri non vi aderiscono. I paesi più sviluppati osservano tale termine, mentre nei paesi a mediamente sviluppati (Polonia, Croazia) il termine oscilla dai 45 giorni ai 60 giorni.

(Vecernje Novosti, 05.10.2016)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:628501-Krsenje-rokova-Firme-placaju-tek-posle-138-dana

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top