Viola von Cramon: “Le elezioni in Serbia non sono state né libere né eque”

L’eurodeputata e relatrice per il Kosovo, Viola von Cramon, ha affermato che le elezioni in Serbia non sono state né libere né eque e che la Serbia dovrà affrontare delle conseguenze politiche e finanziarie se non imporrà sanzioni alla Russia.

“Dopo il boicottaggio del 2020, le elezioni serbe del 2022 hanno mostrato uno sviluppo positivo, come il gran numero di elettori che volevano parteciparvi. Tuttavia, le elezioni non sono state né libere né eque”, ha affermato in una dichiarazione scritta pubblicata su Twitter. Come ha affermato, la Serbia avrà di nuovo un parlamento pluralistico e diversificato. “Sono stati comunque rilevati numerosi problemi prima e durante il giorno delle elezioni, che hanno ostacolato l’espressione della libera volontà e impedito una concorrenza leale”.

“Una pressione diretta sugli elettori che lavorano nella pubblica amministrazione, un uso improprio dei media e delle risorse statali, attacchi fisici al leader dell’opposizione Pavle Grbovic e ai controllori elettorali della coalizione “Moramo”, nonché il ritiro della Commissione elettorale della Repubblica (RIK) la notte delle elezioni e la mancata pubblicazione dei risultati preliminari o dell’affluenza, indicano l’impossibilità di una scelta libera ed equa”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che agli albanesi nella valle del Presevo non sarebbe stata data autorizzazione a votare poiché erano stati cancellati dalle liste, cosa che ha ritenuto inaccettabile. “Con l’aspirazione ad entrare nell’Unione Europea (UE), la Serbia deve aderire ai suoi valori fondamentali. Il partito “SNS” al potere e il Presidente rieletto Aleksandar Vucic hanno ricevuto un nuovo mandato, e quindi hanno il dovere di ripristinare la democrazia e lo stato di diritto e prendere sul serio le riforme verso l’integrazione europea”.

Secondo la stessa, la Serbia, con urgenza, deve aderire alle sanzioni europee contro la Russia per la “guerra di Putin in Ucraina” o affrontarne le conseguenze politiche e finanziarie. “Pertanto, è giunto il momento che la Serbia compia una chiara scelta pro-europea se vuole continuare il suo percorso di adesione all’UE”, ha concluso la von Cramon.

Photo credits: “ЕПА ЕФЕ – А.Ј.”

https://www.politika.rs/sr/clanak/504039/Viola-fon-Kramon-Izbori-u-Srbiji-nisu-bili-ni-slobodni-ni-posteni

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top