Vietato l’ingresso in Croazia alla delegazione delle forze armate serbe diretta a Jasenovac

A una delegazione delle forze armate serbe, formata da anziani dell’Accademia Militare, cadetti e studenti delle scuole superiori militari diretta a Jasenovac, è stato vietato l’ingresso in Croazia. Le indiscrezioni sono state confermate dal Ministro della Difesa serbo Aleksandar Vulin e dal direttore della polizia croata.

Secondo “RTS”, la delegazione, che era stata precedentemente annunciata, avrebbe dovuto partecipare alla commemorazione dei nuovi martiri di Jasenovac; al confine dei due Paesi, tra Batrovci e Bajakovo, è stata però fermata, “tenuta in ostaggio” e perquisita.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il bagaglio del furgone in cui viaggiava conteneva divise ufficiali che, secondo il Ministero, erano pienamente autorizzate e in conformità con le regole del servizio, ma i funzionari doganali croati hanno detto alla delegazione che non poteva indossarle. I membri erano pronti a lasciare le divise e ad indossare i loro abiti civili ma gli stessi doganieri hanno detto loro che le divise non erano la sola ragione e che non sarebbero comunque entrati in Croazia; la delegazione è stata quindi rimandata in Serbia.

Il documento sui motivi del rifiuto informava che la spedizione non disponeva di una documentazione adeguata a giustificare il motivo e le condizioni della visita e che non era stata fornita alcuna prova che il viaggio fosse per “altri motivi”.

Vucic: i croati non vogliono ricordare il loro passato

Il presidente serbo Aleksandar Vucic, in visita a Nikinci, non ha rilasciato nessun commento particolare sull’accaduto, ma capisce come i croati non vogliano ricordare il loro passato e quello che è successo nella seconda guerra mondiale.

http://rs.n1info.com/Vesti/a523861/Delegaciji-Vojske-Srbije-zabranjen-ulazak-u-Hrvatsku.html

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top