Vietato l’ingresso in Croazia alla delegazione delle forze armate serbe diretta a Jasenovac

A una delegazione delle forze armate serbe, formata da anziani dell’Accademia Militare, cadetti e studenti delle scuole superiori militari diretta a Jasenovac, è stato vietato l’ingresso in Croazia. Le indiscrezioni sono state confermate dal Ministro della Difesa serbo Aleksandar Vulin e dal direttore della polizia croata.

Secondo “RTS”, la delegazione, che era stata precedentemente annunciata, avrebbe dovuto partecipare alla commemorazione dei nuovi martiri di Jasenovac; al confine dei due Paesi, tra Batrovci e Bajakovo, è stata però fermata, “tenuta in ostaggio” e perquisita.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il bagaglio del furgone in cui viaggiava conteneva divise ufficiali che, secondo il Ministero, erano pienamente autorizzate e in conformità con le regole del servizio, ma i funzionari doganali croati hanno detto alla delegazione che non poteva indossarle. I membri erano pronti a lasciare le divise e ad indossare i loro abiti civili ma gli stessi doganieri hanno detto loro che le divise non erano la sola ragione e che non sarebbero comunque entrati in Croazia; la delegazione è stata quindi rimandata in Serbia.

Il documento sui motivi del rifiuto informava che la spedizione non disponeva di una documentazione adeguata a giustificare il motivo e le condizioni della visita e che non era stata fornita alcuna prova che il viaggio fosse per “altri motivi”.

Vucic: i croati non vogliono ricordare il loro passato

Il presidente serbo Aleksandar Vucic, in visita a Nikinci, non ha rilasciato nessun commento particolare sull’accaduto, ma capisce come i croati non vogliano ricordare il loro passato e quello che è successo nella seconda guerra mondiale.

http://rs.n1info.com/Vesti/a523861/Delegaciji-Vojske-Srbije-zabranjen-ulazak-u-Hrvatsku.html

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Croazia, esercito serbo, forze armate, Jasenovac
60.000 dinari nel settore pubblico, 38.000 nel settore privato. Tutti parlano di salari più alti, ma ecco quanto si guadagna realmente in Serbia

Un autunno politico bollente attende i Balcani. Ambasciate straniere intimorite dai possibili scenari in Kosovo

Close