Vacanze in Grecia (quasi) impossibili per i turisti serbi quest’anno

Quasi 30.000 turisti serbi sono riusciti a entrare in Grecia quest’estate e, secondo le ultime stime, poco meno di 10.000 di loro sono ancora in vacanza e si stanno preparando a tornare in patria.

“Al momento del divieto di ingresso ai cittadini serbi, secondo le stime delle autorità locali circa 15.000 turisti avevano soggiornato in Grecia in modo organizzato, vale a dire attraverso le agenzie di viaggio. Se a quel numero aggiungiamo coloro che sono arrivati ​​in modo indipendente, arriviamo a circa 30.000” ha detto l’ambasciatore serbo in Grecia, Dusan Spasojevic.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Le autorità greche hanno prorogato il divieto d’ingresso per i cittadini serbi fino al 1° agosto, anche se gli operatori turistici ritengono che questa stagione sia praticamente finita, quindi molte agenzie di viaggio hanno già annullato le prenotazioni per agosto e settembre.

Anche i proprietari degli alloggi privati ​​in Grecia, principalmente nella parte settentrionale frequentata dai turisti serbi, hanno deciso di chiudere nuovamente le loro strutture.

Sebbene molti sperino ancora che ci possa essere un dietrofront e che dopo la riduzione del numero di contagiati in Serbia le autorità greche consentano ai turisti di entrare, accompagnati da test PCR obbligatori, le possibilità che questo avvenga si riducono giorno dopo giorno.

Tanto più perché i Greci si vantano che i nuovi casi di coronavirus nella penisola non sono “importati”, cioè registrati tra i turisti. E questo a causa dell’obbligatorietà del test PCR per tutti coloro che entrano attraverso il valico di frontiera Kulata-Promahonas, utilizzato anche dai turisti serbi.

E’ difficile credere che un ripensamento avvenga anche dopo la richiesta dell’Associazione degli albergatori greci, che pochi giorni fa ha chiesto al governo di consentire ai turisti serbi e russi di entrare nel paese con i test obbligatori, sottolineando la disponibilità a sostenere il 50% dei costi dei tamponi.

https://www.blic.rs/vesti/drustvo/nista-od-letovanja-u-grckoj-nasim-turistima-je-zabranjen-ulaz-do-1-avgusta-ali-posle/1mlq38p

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top