USAID: bilancio dei progetti di sostegno allo sviluppo economico

Kyle Scott, Ambasciatore americano a Belgrado, ha dichiarato che l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID) ha stanziato negli ultimi 15 anni 370 milioni di dollari destinati a progetti di sostegno allo sviluppo economico della Serbia.

Parlando del completamento del progetto “Sviluppo Locale Sostenibile”, Scott ha detto che il sostegno da parte del USAID per 32 municipalità in otto distretti in Serbia negli ultimi sei anni ha contribuito all’arrivo di centinaia di milioni di dollari di investimenti, alla creazione di migliaia di posti di lavoro e all’inserimento su mercati esteri.

I governi delle autonomie locali governi di Vranje, Nis, Novi Pazar, Kraljevo, Uzice, Novi Sad, Subotica e Zrenjanin hanno partecipato al progetto: sostegno è stato assicurato alla produzione di eans a Novi Pazar, alla produzione di calzature e mobili nel Sud e Sud-Est della Serbia, alla produzione di cibo in Vojvodina. .

“Se hanno intenzione di crescere, le aziende serbe hanno bisogno di espandersi al mercato internazionale. Il consumatore moderno ha il lusso di scelta. Il mercato globale richiede un cambiamento nelle norme, nei processi di produzione, e nella comunicazione con gli acquirenti. Adeguarsi a questi cambiamenti rappresenta un compito difficile ed in sostanza è l’essenza di ciò che significa essere un imprenditore”, ha dichiarato Scott.

L’Ambasciatore ha inoltre osservato che l’utilizzo di tecnologie avanzate ha effettivamente determinato un miglioramento della competitività e che le piccole e medie imprese hanno il potenziale per avere successo nel mercato internazionale e che lo sviluppo economico locale in Serbia possiede un potenziale enorme, ancora in attesa di essere pienamente sviluppato.

“Lo scopo era quello di creare nuovi posti di lavoro nelle città in cui maggiore è il tasso di disoccupazione, ed il progetto è stato completato con successo”, ha detto Scott.

(N1, 14.07.2016)

Share this post

scroll to top
More in ambasciata USA, Kyle Scott, occupazione, piccole e medie imprese, sviluppo locale, sviluppo sostenibile
Nuovi investimenti nella zona industriale Mali Bajmok

Sombor: nuova fabbrica della bengalese “Pretty Group”

Close