Una tantum di 10.000 dinari a chi combatte contro il coronavirus

I membri del governo della Serbia hanno deciso ieri che, a causa dell’impegno nel trattamento e nella prevenzione della diffusione del COVID-19, verrà elargito un aiuto finanziario una tantum di 10.000 dinari ai dipendenti delle istituzioni di protezione sociale il ​​cui impiego è finanziato in tutto o in parte dal bilancio serbo.

Lo stesso importo sarà pagato a membri professionisti dell’esercito serbo nelle istituzioni sanitarie militari, operatori sanitari impiegati presso il Ministero degli affari interni o nei penitenziari, nonché a operatori sanitari dell’Istituto di sport e medicina sportiva della Serbia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La sessione ha anche adottato un Programma di pianificazione e utilizzo di sussidi per sostenere il lavoro delle agenzie di viaggio e degli organizzatori di viaggi turistici a causa delle difficoltà commerciali causate dall’epidemia. Il governo della Serbia ha approvato 150 milioni di dinari per questi scopi.

Il governo ha infine adottato un decreto sui centri di commercio estero al di fuori del Paese, che consente al governo e alla camera di commercio serba di lavorare sulla promozione congiunta dello Stato e dell’economia.

Isplata 10.000 dinara zbog angažovanja na lečenju korone

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in agenzie di viaggi, coronavirus, operatori sanitari
L’export in Italia crollato del 25% durante la pandemia

Da domani stop a locali, ristoranti e negozi dalle 21 alle 5

Close