Un miliardo e mezzo di euro di aiuti finanziari per comprare i voti dei cittadini?

Se si sommano tutti i soldi che lo Stato serbo ha donato ai cittadini negli ultimi due anni, e quasi sempre poco prima di una tornata elettorale, si arriva alla cifra di circa 1,4 miliardi di euro. Secondo alcuni esperti, il governo ha investito così tanti soldi nel tentativo di acquistare nuovi voti, e considerando che ora non ci sono soldi nel bilancio la Serbia prenderà in prestito ancora, molto probabilmente dai cinesi, senza svelare a che condizioni e tassi di interesse.

Circa 600 milioni di euro sono stati spesi per una tantum di 100 euro data ai cittadini della Serbia prima delle elezioni del giugno 2020. Poi, l’anno scorso, lo Stato ha dato circa 400 milioni per una tantum di 80 euro a tutti gli adulti, pagata in tre rate. Ora circa 100 milioni di euro saranno corrisposti ai giovani dai 16 ai 29 anni e circa 280 milioni di euro per aiutare i pensionati attraverso un importo di 20000 dinari.

La professoressa della Facoltà di Economia di Belgrado, Danica Popović, dice a “Nova.rs” che il bilancio della Serbia è già in deficit e che non ci sono soldi per nuovi aiuti ai giovani. Ecco perché, aggiunge, a causa di questo tentativo di acquisto di voti pre-elettorale ci sarà un ulteriore indebitamento.

“Per essere chiari, ogni governo corrompe gli elettori, in modo meno primitivo e ovvio di qui, ma lo fa. Vučić ora ha iniziato a dare la caccia agli elettori e pensa di poterli acquistare con i soldi. Ora, da dove abbiamo preso quei soldi? Non ce li abbiamo, il bilancio è già in deficit e dovremo prenderli in prestito. Con nostro grande rammarico, molto probabilmente dai cinesi, in condizioni che rimarranno segrete. Quindi non sapremo a quale interesse abbiamo preso il prestito, o quanto ci costerà alla fine. Nessuno sa come rintracciare quei soldi”.

Di tutti gli aiuti finanziari che lo Stato ha finora concesso ai cittadini, quello destinato ai giovani dai 16 ai 29 anni, a suo avviso, è il più efficace. “È un’ottima idea e dovremmo congratularci con la squadra che l’ha ideata. Una buona lezione per tutti. L’unica cosa che manca a questo gruppo di giovani è il rispetto, che serve per rafforzare la propria individualità. Immaginate un ragazzo di 16 anni che riceve soldi a suo nome. Tale misura sarà sicuramente efficace. Per il potere in due modi. La prima è che sicuramente otterrà un certo numero di voti, e la seconda che per molto tempo ci sarà un altro canale per delle macchinazioni finanziarie. Secondo la legge, questo denaro sarà versato su conti correnti temporanei, che si estingueranno dopo un anno. Pertanto, esiste la possibilità ideale di pagare sotto falso nome i sostenitori del partito al governo, tanto di ciò non ci saranno più tracce tra un anno”, afferma la Popović.

Kad zafale glasovi: Milijardu i po evra novčane pomoći ili mito za građane

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top