Un ettaro di terreno in Serbia fino a 20.000 euro; uomini d’affari interessati al business

Gli ettari di terreno agricolo in Serbia sono due volte più costosi della media regionale e vanno dai 10.000 ai 20.000 euro e si prevede che cresceranno ulteriormente in futuro. In alcune parti del Paese, anche il prezzo dell’affitto è raddoppiato negli ultimi cinque anni. A causa di questo trend, irrealistico e ingiustificato, molti rinunciano all’agricoltura.

Il presidente dell’Associazione degli agricoltori, Miroslav Kis, sottolinea che in Romania, Ungheria o Croazia, terreni della stessa categoria e classe sono meno costosi.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Da noi un ettaro costa fino a 20.000 euro. Da 12.000 a 15.000 euro è il prezzo standard per un terreno che non si trova vicino a una strada asfaltata o ad un insediamento, ma da qualche parte in un campo dove non c’è neanche l’elettricità. Se consideri l’ammontare delle entrate per unità di superficie, l’investimento non si ripaga né tra 20 né tra 50 anni “, afferma Kis.

Spiega che c’è ora molta domanda perché molti uomini d’affari che hanno del denaro non investono tanto nel settore immobiliare come prima, ma nei terreni.

Uomini di diversi settori considerano l’acquisto di terreni coltivabili come un investimento migliore rispetto all’acquisto di appartamenti, oro o risparmi dalle banche, perché credono che il terreno varrà di più tra pochi anni e sono disposti a pagare qualsiasi importo per esso.

“Anche il prezzo dell’affitto è enorme, il doppio di quello di cinque anni fa. La gente rinuncia all’agricoltura perché è troppo costosa. Negli altri Paesi l’affitto è due volte più economico”, sostiene Kis.

Lo stesso osserva che il grosso problema è che non è chiaramente definito chi sia l’agricoltore, chi il proprietario della terra e chi la coltivi e ne produca qualcosa.

“Lo Stato deve affrontare questo problema e solo gli agricoltori dovrebbero beneficiare di sussidi. Nel nostro Paese chiunque registri più di mezzo ettaro è considerato un agricoltore, ma potrebbe essere anche un direttore di banca. È possibile che abbiamo 600.000 aziende agricole registrate?” si chiede Kis.

https://www.blic.rs/biznis/hektar-i-do-20000-evra-zasto-su-njive-postale-isplativije-od-ulaganja-u-nekretnine/l561pxj

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in agricoltura, ettaro, Miroslav Kis
indicazione geografica
A Ruma un moderno centro logistico e una serra per l’agricoltura; investimento di 2 milioni di euro

Il grano proveniente dalla Serbia è il più costoso della regione

Close