Ufficialmente avviato il processo di digitalizzazione del segnale TV

Il Ministro del commercio e delle telecomunicazioni Rasim Ljajic ha dichiarato che il processo è un investimento tecnologico ed economico.

Entro giungo 2015 in Serbia tutto il segnale televisivo sarà digitale: ai 180.000 cittadini più indigenti verranno forniti decoder gratuiti, che allo Stato costeranno 39 milioni di euro. Questo indebitamento iniziale, secondo Ljajic, sarà compensato dai guadagni futuri. Il processo di digitalizzazione sarà portato a termine grazie a un prestito di 24 milioni di euro, per il quale dovrebbe essere sottoscritto un accordo con la Banca europea a metà mese. Ljajic ha spiegato che le frequenze liberate potranno essere utilizzate per nuovi servizi di telefonia mobile, come un più veloce servizio internet. Il processo di digitalizzazione è basato sulla nuova legge sulle telecomunicazioni recentemente approvata: il primo settembre è iniziato il periodo di transizione dall’analogico al digitale, che diventerà gradualmente l’unico disponibile su tutto il territorio nazionale.

(RTS, 09.09.2014)

 

Share this post

scroll to top
More in digitale, media, Rasim Ljajic
Censura e autocensura in Serbia: una riflessione di Ljiljana Smajlovic

Il Governo approva le leggi sui media, l`Associazione Giornalisti Indipendenti protesta

Close