UE:Il Kosovo deve immediatamente ritirare le tasse d’importazione – La Serbia invia una richiesta al CEFTA

Il governo del Kosovo deve immediatamente ritirare la sua decisione “provocatoria e offensiva” sull’aumento delle tasse sulle merci importate dalla Serbia e dalla Bosnia, ha dichiarato oggi Maja Kocijancic, la portavoce dell’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri, Federica Mogherini.

Maja Kocijancic ha aggiunto che l’UE è stata chiara fin dall’inizio che l’aumento del 100% delle tariffe d’importazione è una violazione sia del CEFTA che dell’accordo di stabilizzazione e associazione.

“Le autorità del Kosovo devono immediatamente ritirare questa misura. Tutte le azioni, le misure e le dichiarazioni provocatorie e offensive sono profondamente sconvolgenti e non contribuiscono in nessun modo al dialogo sulla normalizzazione delle relazioni tra Belgrado e Pristina”, ha affermato la Kocijancic.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Inoltre, la prima ministra serba Ana Brnabic ha dichiarato di aver inviato una richiesta formale al Segretariato del CEFTA per consultazioni dirette sotto l’egida del Comitato misto CEFTA, al fine di risolvere il problema commerciale in corso tra Serbia e Kosovo che, ha aggiunto la ministra, è stato creato da Pristina introducendo la tassa del 100% sulle merci importate dalla serbia, violando così l’accordo CEFTA.

“Le autorità del Kosovo hanno 90 giorni a partire da domani per risolvere il problema attraverso consultazioni dirette all’interno del comitato CEFTA”, ha detto la Brnabic ai giornalisti, aggiungendo che si aspetta una rapida reazione del CEFTA poiché, come ha affermato, la Serbia ha rispettato pienamente l’accordo.

Ana Brnabic ha riferito che ha inviato la stessa richiesta anche all’UNMIK (l’amministrazione delle Nazioni Unite in Kosovo, che è uno dei firmatari dell’accordo), e al Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. La ministra ha aggiunto che Serbia e la Bosnia collaboreranno “per ripristinare una situazione normale”.

In precedenza, Belgrado e Sarajevo hanno confermato che non avrebbero introdotto alcuna contromisura al Kosovo.

http://rs.n1info.com/Vesti/a439363/EU-Takse-provokativne-i-uvredljive-Kosovo-odmah-da-ih-povuce.html

http://rs.n1info.com/Biznis/a439385/Srbija-podnela-zahtev-CEFTI.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top