UE “chiusa” alla Serbia per almeno altre due settimane?

Alla riunione di Bruxelles, gli ambasciatori degli Stati membri dell’UE hanno esaminato l’elenco dei Paesi per i quali sarà possibile raccomandare la revoca delle restrizioni di viaggio nello spazio Schengen. La lista che è stata diramata il 1° luglio, viene rivista ogni due settimane sulla base degli ultimi dati epidemiologici.

Sebbene la Serbia fosse presente tra i 15 Paesi per i quali era stata raccomandata la revoca delle restrizioni ai viaggi verso l’UE dal 1° luglio, il 15 luglio il Consiglio dell’UE ha deciso di rimuovere il Paese balcanico da tale elenco a causa del peggioramento della situazione epidemiologica.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ora, alla luce degli ultimi dati provenienti dalla Serbia, non si prevede che gli Stati membri dell’UE riporteranno il Paese balcanico nell’elenco sopracitato, ovvero consentiranno ai cittadini serbi di recarsi nell’UE, se non per necessità improrogabili, almeno fino alla metà di agosto, riferisce “Tanjug”.

Ieri, il Ministro degli Esteri serbo, Ivica Dačić, ha affermato che è praticamente certo che l’UE non riporterà la Serbia nell’elenco dei Paesi considerati sicuri, a causa della critica situazione epidemiologica.

http://www.politika.rs/sr/clanak/459352/EU-najverovatnije-ostaje-zatvorena-za-Srbiju-jos-najmanje-dve-nedelje

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Paesi a rischio, Schengen, Serbia, situazione epidemiologica
Un terzo dei cittadini serbi ritiene che il virus passerà entro la fine dell’anno

Vacanze in Serbia più costose di un viaggio alle Maldive

Close