Udovicki: Prima la sistematizzazione, dopo i licenziamenti

Il ministro dell’amministrazione pubblica e degli enti locali, Kori Udovicki per la Radiotelevisione serba ha detto che prima si esamineranno i posti di lavoro non necessari, ma anche i posti dove si potrebbero assumere le persone in esubero. Nelle autorità locali c’è il maggiore eccesso di personale e bisogna creare una nuova sistematizzazione dei posti di lavoro, ha indicato la ministra Udovicki.

Kori Udovicki ha detto che il calcolo per il licenziamento di almeno 9.000 dipendenti nel settore pubblico è stato fatto da parte dell’intero governo, visto che questa è una cosa che dovrebbe essere eseguita da parte dello Stato nel suo complesso..

“Abbiamo calcolato il numero dei dipendenti nell’amministrazione pubblica. Se questo numero viene comparato con il numero totale della popolazione, non è una cifra tanto alta. Ma se questo numero viene comparato con il numero totale delle persone occupate, è una cifra piuttosto alta”, ha indicato la ministra.

Secondo la Udovicki, il numero dei dipendenti nel settore pubblico non è il problema più grave, ma la struttura cattiva, visto che negli anni precedenti si assumevano le persone senza nessun piano.

“Si dovrebbero fare le nuove sistematizzazioni dei posti di lavoro. La cosa più importante è lavorare sul rafforzamento della risponsabilità e sulla pianificazione degli risultati. Cerchiamo di tenerne conto per creare una nuova struttura dei dipendenti nell’amministrazione pubblica più produttiva”, ha indicato Udovicki.

Quando si tratta del criterio per il licenziamento, la ministra ha detto che prima si prenderanno in considerazione i posti di lavoro più importanti, ma anche quelli che non sono più necessari ossia obsoleti.

“Prima si deciderà quali sono i criteri sociali e dove si potrebbero assumere i licenziati. Già da un anno e mezzo c’è il divieto di assunzione del personale nel settore pubblico, cosichè alcune organizzazioni dovrebbero completare i posti di lavoro”, ha detto Udovicki.

“Dobbiamo organizzarci meglio e cambiare la struttura. Possiamo diminuire i costi anche senza licenziamenti. Lo possiamo fare introducendo una disciplina maggiore e un’organizzazione migliore”, ha indicato Udovicki.

Secondo la ministra dell’amministrazione pubblica è importante emanare la nuova Legge sugli stipendi entro la fine di quest’anno per preparare il nuovo bilancio statale. Inoltre, la Udovicki ha indicato che l’obiettivo principale è alzare la capacità del settore pubblico per produrre  più posti di lavoro nel settore privato.

“Il problema è l’economia. Nelle nostre analisi abbiamo incluso anche le aziende pubbliche visto che qui ci sono i maggiori eccessi di personale. Queste aziende rappresentano il più grande carico dei bilanci locali”, ha affermato la Udovicki.

Secondo Kori Udovicki, questo processo durerà tre anni, e ora si inizia a fare le analisi più approfondite

(RTS, 26.05.2015.)

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top