Udovicki: “Licenziamenti unico modo per risanare il paese”

Il ministro della Pubblica amministrazione, Kori Udovicki, ha detto che è importante effettuare i licenziamenti dei dipendenti del settore pubblico in Serbia secondo le procedure, perché, come dice lei, in caso contrario i licenziati verrebbero reintegrati al lavoro dai tribunali.

“I licenziamenti nel settore pubblico saranno effettuati  sulla base di due criteri: la logica con la quale verranno determinati dipendenti ridondanti, quindi i posti di lavoro in eccesso, mentre l’altro criterio già fa parte  dei contratti collettivi, il quale definisce priorità tra i dipendenti”, ha detto Udovicki al quotidioano ” Vecernje Novosti”. Dopo il licenziamento di 9.000 dipendenti del settore pubblico, approvata dal Governo della Serbia, il ministro della Pubblica amministrazione, Kori Udovicki, ha dichiarato che questo è l’unico modo per risanare la Serbia e aprire posti di lavoro nel settore privato, aggiungendo che i ministeri devovo determinare il numero dei loro dipendenti da licenziare, ai quali sarrà anche offerto un programma sociale.

“I lavoratori in eccesso si trovano nel settore della sanità, della magistratura, della polizia e della difesa. La maggior parte del surplus del personale c’è nel campo del supporto amministrativo, ma questo non significa che l’amministrazione è sovradimensionata, anzì, mancano le capacità di analisi, il personale necessario per il processo di integrazione europea, gli strateghi per la pianificazione e il lavoro di monitoraggio e di ispezione”, ha detto la Udovicki, aggiungendo inoltre che per l’indennità di disoccupazione sono stanziati 5,5 miliardi di dinari.

(Beta/B92, 27.07.2015)

 

 

Share this post

scroll to top
More in governo, Kori Udovicki, licenziamenti, pubblica amministrazione
Dacic: “Il Kosovo non può essere il membro dell’Unesco”
“Johnson Electric” investe 50 milioni di euro ed assume 2400 persone

Close