Udovicki: “Cambiamenti radicali o scenario greco”

Il ministro serbo dell’amministrazione pubblica e delle autorità locali, Kori Udovicki, ha dichiarato che la Serbia affronterà uno scenario greco se entro la fine dell’anno non riuscirà a fare dei cambiamenti radicali in tutti i settori.

’’Farà un po’ male, ma servirà a non fare molto male dopo. Se vi domandate che cosa significa molto male, basta vedere il caso della Grecia’’, ha spiegato la Udovicki. Secondo quanto aveva dichiarato, ’’lo sceanrio greco’’ significa che uno Stato non è in grado di finanziare i debiti e che il debito è talmente alto che l’intero paese deve lavorare solo per pagare gli interessi che tendono a crescere’’. Il ministro ha sottolineato che i governi precedenti cedevano sotto la pressione, sperando di ricevere qualcosa da qualcuno, e in quel modo hanno causato il maggiore deficit in Europa e il radoppiamneto del debito pubblico, il quale continua a crescere velocemente. Secondo quanto aveva sottolineato, radicali riforme devono essere attuate entro la fine dell’anno perché, in caso contrario, la Serbia perderà la fiducia dei donatori, dei finanziatori globali, soprattutto del Fondo Monetario Internazionale (FMI), con il quale deve ancora fare un accordo.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top