Turismo della salute, potenzialità poco sfruttata in Serbia

La prima idea che si associa al turismo della salute in Serbia sono gli stranieri che arrivano nel paese per fare la visita dal dentista. Però, il turismo della salute in Serbia include molto di più, perchè gli ospiti vengono dall’estero anche per gli interventi ortopedici e urologici, nonchè per la chirurgia plastica.  

L’interesse c’è, però questo potrebbe essere maggiore se si lavorasse sulla promozione dei servizi che offrono le terme e gli altri centri sanitari in Serbia.

Anche se gli risultano più vicine le terme della Vojvodina, un turista di Novi Sad, Zrenjanin o Kikinda, andrà più volontieri nelle terme ungheresi, mentre la risposta alla domanda si nasconde nella strategia dello sviluppo del turismo sanitario dei nostri vicini, basato sull’offerta economica, varia e di alta qualità. “La nostra offerta punta ad attrarre tutti: le famiglie, i pensionati, coloro che sono in riabilitazione, come anche coloro che amano le attività di vero e proprio benessere. Nel nostro complesso abbiamo 18 piscine, 9 saune e 3 grandi scivoli per i bambini”, dichiara Noemi Pap del centro termale Mak in Ungheria.

Oltre al miglioramento dell’offerta turistica nelle terme locali, per uno sviluppo significativo del turismo della salute in Serbia bisogna collegare centri sanitari con gli alberghi e le agenzie turistiche, affermano gli esperti di turismo. “I medici vogliono solo occuparsi della medicina, però bisogna anche prendere in considerazione come un ospite potrebbe arrivare, divertirsi e conoscere la Serbia. Bisogna creare un prodotto medico-turistico”, ha detto Djordje Mihajlovic, il direttore dell’azienda “Turisticka prizma” di Novi Sad.

Alcune agenzie turistiche hanno già riconosciuto la potenzialità del turismo della salute. Per vari interventi ortopedici, dentali e chirurgia plastica, queste agenzie portano stranieri da tutte le parti del mondo nelle cliniche serbe.

“I turisti arrivano dai paesi arabi, da Australia, Canada, da paesi europei, però loro arrivano individualmente e periodicamente”, ha detto Biljana Radulovic di “Top Tours”.

Se si risolvesse la questione della certificazione dei centri sanitari, dell’assicurazione dei pazienti, nonchè molti altri ostacoli legislativi, quale il fatto che un straniero non può essere operato in un ospedale statale, la Serbia potrebbe attrare più turisti che arrivano per i servizi sanitari di alta qualità che pagano anzi 10 volte di meno rispetto ai loro paesi di origine.

(RTV, 10.05.2016.)

Share this post

One Reply to “Turismo della salute, potenzialità poco sfruttata in Serbia”

  1. Agentediturismodentalecroazia ha detto:

    Ciao! Vivo a Zagabria e mi occupo di turismo dentale da 5 anni… Vorrei darvi alcuni consigli sulla scelta della clinica in Croazia a cui affiderete le vostre cure dentali:
    Consiglio nr.1: Andate in un posto “piccolo” e lasciate perdere le “mega cliniche” modello catena di montaggio…troverete certamente una maggiore attenzione verso il cliente e un maggiore approccio individuale…
    Consiglio nr.2: Assicuratevi che la gente del posto vada in questa clinica….se alla reception della clinica che avete scelto siete tutti italiani e ZERO CROATI…chiedetevi il perche’….ve lo dico io il perche’….i croati STANNO ALLA LARGA da questi posti….(e sono “balle” quando vi dicono che non ci sono croati perche’ i croati non hanno soldi…..) Cercate una clinica dove l’80% della clientela sia croata.
    Consiglio nr.3: La prima visita e’ molto importante…e una “BUONA PRIMA VISITA” necessita di ALMENO MEZZORA….lasciate perdere nel caso in cui in 5 minuti vi guardano e vi fanno preventivo in altri 5 minuti….
    Consiglio nr.4: Nel caso di impiantologia chiedete sempre la marca degli impianti….sul mercato ce ne sono veramente tante di marche…queste 3 marche sono di altissima qualita’, direi le migliori….Astra Tech-Nobel-Straumann .
    Informatevi sulle esperienze del chirurgo che effettuera’ l’impiantologia.
    Consiglio nr.5: Non scegliete la clinica in base al sito internet…ovvero…sito internet bello=lavoro di qualita’, sito internet mediocre=lavoro mediocre ***SBAGLIATO***
    Ci sono cliniche croate con siti internet discutibili ma che lavorano molto bene!
    Consiglio nr.6: Chiedete sempre un preventivo scritto prima dell’inizio dei lavori e a fine lavori un certificato di garanzia dei materiali utilizzati e per quanto riguarda l’impiantologia il “passaporto degli impianti”.
    Consiglio nr.7: Informatevi sempre sull’esperienza dei dentisti che operano nella clinica croata scelta, se hanno ricevuto premi o riconoscimenti e soprattutto se sono abilitati a fare impiantologia…
    Consiglio nr.8: Chiedete quali sistemi di sterilizzazione vengono utilizzati
    Questi consigli rappresentano solamente una parte di cio’ a cui bisogna prestare attenzione!
    Detto questo, ognuno di voi puo’ iniziare a selezionare le cliniche in Croazia!
    Buona ricerca! 🙂
    Per qualunque dubbio o informazione potete scrivermi una mail a
    [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top