Turchia: nessun rischio per la cooperazione economica con la Serbia

Il tentato colpo di stato militare in Turchia non ha influenzato la collaborazione economica che la Serbia ha avuto con questo paese finora: è quanto è stato comunicato all’agenzia di stampa Tanjug dalla Camera di Commercio della Serbia, impegnata, in cooperazione con il governo della Serbia, a monitorare la situazione e fornire linee guida per gli uomini d’affari serbi.

Il capo del Centro di cooperazione bilaterale alla CCIS, Nikola Jankovic, afferma di non aver ancora ricevuto alcuna informazione concreta su eventuali problemi riscontrati dalle imprese, sia nel settore delle esportazione che delle importazioni o in qualsiasi altro aspetto della cooperazione con la Turchia.

“Naturalmente, ogni istanza di instabilità politica ha i suoi effetti e influenza l’economia, ma non possediamo ancora dati concreti in merito. Speriamo che la situazione si stabilizzi nel più breve tempo possibile e che il suo impatto si riveli minimo”, ha dichiarato Jankovic.

La Turchia, come sottolinea l’intervistato, rappresenta un importante partner commerciale estero della Serbia e un grande mercato di esportazione: “speriamo che la cooperazione non sia giunta al termine. Tra l’altro, il commercio è cresciuto di anno in anno e siamo ormai vicini alla quantità di un miliardo di dollari l’anno”.

Secondo Jankovic, la Turchia è stata lo scorso anno al 17°posto nella lista delle esportazioni dalla Serbia, e all’ottavo per quanto riguarda le importazioni, e che l’economia turca sarebbe in una fase di espansione e di ingresso nel mercato globale.

Si registrano inoltre esempi di investimenti turchi di successo in Serbia, come nel settore tessile e l’industria automobilistica, ed è da sottolineare anche l’arrivo di Halkbank, interessata a sostenere gli imprenditori locali.

Nei primi cinque mesi del 2016, il commercio tra la Serbia e la Turchia è stato pari a 380,09 milioni di dollari, denotando una lieve crescita rispetto allo stesso periodo del 2015, soprattutto per quanto riguarda l’esportazione turca alla Serbia.

(Tanjug, 19.07.2016)

Share this post

scroll to top