Abolizione Tribunale Speciale: gli USA bacchettano Pristina

Gli Stati Uniti hanno avvertito Priština che se l’Assemblea del Kosovo dovesse decidere di abrogare la Legge sul Tribunale speciale, Washington non bloccherà l’iniziativa russa, la quale riguarderebbe un tribunale analogo formato dall’ONU.

Anche due anni fa, quando le autorità di Pristina erano riluttanti ad adottare la legge per l’istituzione del Tribunale Speciale, noto anche come Tribunale speciale per i crimini dell’UCK, gli Stati Uniti paventarono la possibilità di attivazione di un piano B per formare un nuovo tribunale simile.
Tanjug ne ha dato notizia questo venerdì, citando un rapporto pubblicato dal giornale di lingua albanese di Pristina, Koha Ditore, secondo cui il messaggio sarebbe stato trasmesso questa volta dall’Ambasciatore statunitense ad interim a Pristina Stephen Banks.
Le fonti del quotidiano hanno riferito che Banks avrebbe avuto diversi incontri questa settimana con i capi delle istituzioni del Kosovo, ai quali ha “chiarito le conseguenze dell’eventuale abrogazione della legge”. Banks, inoltre, ha incontrato giovedì il Primo Ministro Ramush Haradinaj riferendogli apertamente che, in quel caso, gli Stati Uniti non avrebbero bloccato l’iniziativa della Russia nella creazione di una corte simile in seno al Consiglio di sicurezza dell’Onu.
Secondo la fonte del quotidiano, Banks “ha ricordato ad Haradinaj che l’iniziativa russa sarà, ovviamente, basata sulla Risoluzione 1244 e farà riferimento all’UNMIK come organo supremo di governo in Kosovo”.
La notizia giunge mentre i cinque paesi occidentali riuniti nel cosiddetto “Quinto” (Italia, Francia, Inghilterra, Germania, Ue) hanno pubblicato una dichiarazione congiunta, esprimendo la loro “profonda preoccupazione” per gli sforzi in corso di Pristina, e opponendosi all’abolizione della corte speciale.
(In Serbia, 05.01.2018)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top