Tra Serbia e Albania solo con la carta d’identità

Belgrado, Skopje e Tirana, capitali dei Paesi della “Piccola Schengen”, hanno firmato un Memorandum d’intesa e cooperazione nella lotta contro il COVID-19. È stato firmato anche un accordo interstatale tra Serbia e Albania sulla libera circolazione dei cittadini muniti di carta d’identità.

Il Memorandum e l’Accordo sono stati firmati dai Primi Ministri di Serbia, Macedonia del Nord e Albania, Ana Brnabić, Zoran Zaev ed Edi Rama, alla presenza del Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il Presidente Vučić ha sottolineato che la cooperazione nella lotta contro il coronavirus e la libera circolazione dei cittadini non è solo un’iniziativa politica, ma una cosa che porterà un maggiore successo nelle economie dei Paesi e una più alta fiducia e solo quando verranno conclusi i diversi accordi, i cittadini si renderanno conto dei vantaggi.

Secondo lui, ora che sono stati risolti formalmente gli ostacoli e i cittadini della Serbia possano andare in Albania solo con la carta d’identità, ci saranno molti più turisti albanesi a Nis e Belgrado, ma anche molti più serbi che vogliono vedere Durazzo, Tirana, Valona.

Il Premier albanese, Edi Rama, ha affermato che è importante per l’Albania aver raggiunto un accordo con la Serbia al fine di attraversare il confine solo con una carta d’identità.

“Un passo molto positivo è anche la cooperazione nella condivisione di informazioni, esperienze, ma anche oneri, quando si parla della lotta contro il COVID-19”, ha sottolineato.

Come ha affermato il Premier della Macedonia del Nord, Zoran Zaev, il Memorandum faciliterà ulteriormente la vita dei cittadini dei tre Paesi e getterà le basi per la ripresa economica, poiché si lavorerà insieme all’approvvigionamento del vaccino e ci si aiuterà a vicenda in caso di sovraccarico del sistema sanitario macedone, serbo o albanese, mentre proseguiranno i corridoi verdi e gli scambi per facilitare il lavoro durante la pandemia.

“I cittadini si muoveranno senza test PCR e barriere amministrative e finanziarie, nonché senza costi aggiuntivi. Se un residente di questi tre Paesi viene curato in un altro, il Paese in cui viene assistito sosterrà i costi”, ha concluso Zaev.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/258014/Preko-granice-Srbije-i-Albanije-samo-sa-licnom-kartom.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, carta d'identità, COVID, Edi Rama, Piccola Schengen
Il tempo delle feste e le misure per contenere l’epidemia

I Paesi della “Piccola Schengen” uniti nella lotta al COVID-19

Close