Tra le economie più resistenti al mondo, la Serbia è al 63° posto

La pandemia da coronavirus ha portato un’incertezza senza precedenti nell’economia globale mentre i Paesi di tutto il mondo combattono le crescenti infezioni, attuano varie strategie di distanziamento sociale e interventi fiscali precoci per stabilizzare i mercati.

Sebbene la gestione immediata della crisi sanitaria sia cruciale e necessaria per la stabilità economica, gli esperti hanno già iniziato a valutare quale potrebbe essere la ripresa una volta sconfitto il virus e quali Paesi ne usciranno meglio.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La compagnia assicurativa “FM Global” ha redatto l’indice di resilienza globale del 2019 (Global Resilience Index), classificando la resilienza dell’ambiente aziendale in 130 Paesi in base a fattori quali stabilità politica, amministrazione corporativa, rischio ambientale, logistica della catena di approvvigionamento e trasparenza.

I dieci Paesi con la più alta capacità di una rapida ripresa sono Norvegia, Danimarca, Svizzera, Germania, Finlandia, Svezia, Lussemburgo, Austria, Stati Uniti e Regno Unito.

La Serbia è, tra le 130 economie analizzate, al 63° posto, la Croazia al 37°, la Slovenia al 42° e la BiH al 70°.

Combinando questa scala con la risposta iniziale delle singoli nazioni al virus, la BBC ha identificato quali Paesi hanno maggiori probabilità di mantenere una buona stabilità e resilienza durante la crisi in atto.

https://www.021.rs/story/Info/Biznis-i-ekonomija/239504/Napravljena-lista-najotpornijih-ekonomija-sveta-Srbija-na-63-mestu.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... coronavirus, economia, Global Resilience Index
Marcia indietro della “Yura”; richiamati i lavoratori in produzione

Tiodorovic: “Non esiste alcun rischio zero al virus”

Chiudi