Torna il servizio di leva obbligatorio in Serbia? Prime reclute nel 2023

La decisione finale sulla possibilità di ripristinare il servizio militare obbligatorio in Serbia annunciata dal Presidente Aleksandar Vucic, sarà presa dal nuovo governo e dal nuovo parlamento dopo un dibattito pubblico più ampio, quindi le nuove reclute nelle caserme si potrebbero vedere al più presto nel 2023.

La dirigenza militare avrebbe inizialmente messo insieme diversi modelli di servizio militare, che differiscono per durata, risorse, finanze e cambiamenti organizzativi nel sistema di difesa, e dopo diversi studi si sarebbe deciso che 90 giorni di servizio militare sia la soluzione migliore.

“Novosti” scrive che sarà necessario riavviare le guarnigioni e le caserme nel frattempo vendute o abbandonate, nonché rafforzare la logistica. “L’esercito è in difficoltà poiché non ha il personale in grado di lavorare con i giovani soldati e condurre il loro addestramento, dato che i centri di addestramento esistenti sono fatti su misura per un esercito professionale”.

Alcuni poi prevedono un aumento della “spesa militare” e aggiungono che, secondo i calcoli del Ministero della Difesa, il nuovo servizio militare obbligatorio, ovvero i costi di addestramento, cibo, vestiario, trasporti…potrebbe costare circa 8 miliardi di dinari all’anno. Su 40 Paesi europei, il servizio militare tradizionale esiste in 14: Russia, Finlandia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Austria, Svizzera, Lituania, Estonia, Bielorussia, Ucraina, Grecia, Turchia e Cipro, e di norma dura da 6 a 12 mesi.

https://naslovi.net/2022-05-08/beta/vecernje-novosti-obavezni-vojni-rok-najranije-2023-godine/30538383

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top