Tonnies perderà di nuovo il terreno in Vojvodina?

Una nuova causa è in corso davanti al Tribunale Amministrativo di Novi Sad in merito alla allocazione di terreni statali al produttore tedesco di carni Toennies, causa iniziata lo scorso anno dall’associazione degli agricoltori del Banato.

Mentre in Germania la Toennies è stata al centro di polemiche per i suoi legami con Sigmar Gabriel, ex vice cancelliere e capo del partito socialdemocratico, il quale ha sostenuto l’investimento della società in Serbia, non ci sono progressi del progetto nel Banato, che dovrebbe valere decine di milioni di euro. 

“Nei due anni precedenti, abbiamo vinto le cause contro l’Assessorato provinciale all’agricoltura per la concessione dei terreni a questo presunto investitore. All’inizio dello scorso anno, il Tribunale Amministrativo revocò la concessione dei terreni attorno a Zrenjanin a Tonnies. Di seguito, l’Assessorato provinciale assegnò di nuovo i terreni a Tonnies e abbiamo iniziato una nuova causa amministrativa. Per quel che conosco, il tribunale può decidere per la revoca due volte, dopo di che la delibera di assegnazione deve essere cambiata”, afferma l’agricoltore Slavko Vukov di Zrenjanin. 

Sebbene era stato pianificato nel 2017 che Tonnies ottenesse 5.000 ettari di terrenia gricoli a Kikinda, Zrenjanin, Secanj, Vrsac e Plandiste, l’investimento è ben lungi dal concretizzarsi, dunque i terreni sono ora affittati. Solo a Zrenjanin 2400 ettari della migliore qualità sono stati messi a disposizione della società di allevamenti e trasformazione di carni tedesca. 

“Per quel che so, questi terreni vengono affittati di anno in anno, a un prezzo alto che un agricoltore ordinario non può permettersi di sostenere. Non rinunceremo alla causa. I terreni agricoli statali devono essere disponibili per gli agricoltori serbi in base alle aste”, dice sempre Slavko Vukov. 

Il Tribunale amministrativo di Novi Sad ha disposto che la decisione di affittare i terreni per trent’anni a Tonnies era contraria alla legge, ovvero non rispettava i criteri di allocazione competitiva dei terreni. In particolare, la corte ha accolto l’istanza dell’Associazione degli agricoltori del Banato secondo cui la Toennies Invest d.o.o. non è riconoscibile sul mercato serbo e non possiede referenze che attestino le capacità di realizzare un tale progetto. 

Ricordiamo che secondo il settimanale tedesco Der Spiegel, Sigmar Gabriel invitò Clemens Tonnies a partecipare a una missione diplomatica-imprenditoriale in Serbia nel novembre 2014 ed entrambi parteciparono a una cena su invito dell’allora primo ministro Aleksandar Vucic. Il settimanale tedesco evidenzia che già allora Tonnies era interessato alla Serbia sia come mercato di esportazione che come possibile sede di impianti di produzione. “Apparentemente, il barone della carne Tonnies aveva già un accesso privilegiato all’allora presidente della SPD che ricopriva anche il ruolo di ministro dell’economia e che tra marzo e maggio di quest’anno ha ricevuto da Tonnies un ingaggio di 10.000 euro al mese e diarie giornaliere a quattro cifre per verificare la possibilità di esportare la carne di Tonnies in Cina attraverso la Nuova Via della Seta così come di negoziare con il ministro cinese dell’agricoltura in merito ai casi di peste suina africana”, registra il settimanale politico tedesco Panorama. 

(Danas, 19.08.2020)

https://www.danas.rs/ekonomija/da-li-ce-tenis-ponovo-izgubiti-zemlju-u-banatu/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
salario minimo
Governo e Sindacati si ritrovano per negoziare il salario minimo 2021

Cancellata la Fiera dell’Agricoltura di Novi Sad

Close