Produzione tessile: la turca Avrasya a Babusnica e Pirot

A seguito dell’interesse manifestato dall’azienda tessile turca, Avrasya Tekstil, nell’affitto degli impianti di AHA Mura Prvi Maj, il ricevitore amministrativo della società ha declinato l’offerta, in quanto il piano è quello di vendere la fabbrica.

La società turca ha quindi deciso di affittare uno stabilimento di produzione a Babušnica, e il programma di Avrasya contempla anche la costruzione di un impianto presso Pirot. La costruzione del nuovo stabilimento probabilmente dipenderà anche dagli incentivi previsti dallo Stato, in quanto Avrasya prevede di impiegare un numero esatto di lavoratori.

La ragione per l’apertura di un impianto a Babušnica piuttosto che a Pirot è semplice. Pirot non dispone dei locali adatti per l’avvio della produzione tessile: i soli locali idonei sono quelli di AHA Mura. La società turca è stata anche interessata all’affitto della sede di un altro ex colosso tessile, ma queste strutture sono state trasformate in un magazzino di pneumatici.

Avrasya è attualmente in fase di apertura di una società, con sede a Pirot, che produrrà abiti leggeri, pronti da indossare, proprio come avviene presso la sua fabbrica in Turchia. La società ha bisogno di lavoratori da impiegare nelle mansioni di cucito, sartoria, stiratura e confezionamento per avviare la produzione.

In occasione dell’apertura della Fiera tessile dei Balcani a Belgrado, il Ministro del Commercio, Rasim Ljajic, aveva annunciato che quattro aziende tessili provenienti dalla Turchia avevano espresso interesse ad avviare la produzione in Serbia.

(Plus online, eKapija, 13.03.2017)

http://www.plusonline.rs/turski-investitor-avrasja-zeleo-je-zakup-aha-mura-prvi-maj-stecajni-upravnik-medjutim-odbio-je-ponudu-jer-i-dalje-zeli- vendere-fabbrica-turchi-lease-sala-the-Babušnica-have-u /
http://www.ekapija.com/website/en/page/1695321/Avrasya-Tekstil-to-start-producing-in-Babusnica-Turkish-company-interested-in-raising-factory-in-Pirot-as- bene

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Odzaci: il successo della zona industriale

IKEA: presentate 17775 candidature per 250 posti di lavoro

Close