Terzic: la Russia aumenti il soft power nei Balcani

L’Ambasciatore della Serbia in Russia, Slavenko Terzic, ha ribadito ieri, lunedì 21 novembre, che il suo paese non intende aderire alle sanzioni economiche imposte dall’Unione Europea alla Russia¹.

Secondo quanto riporta Sputnik, l’Ambasciatore avrebbe affermato che “la nostra posizione è di principio e coerente. La Serbia non è pronta, e non sarà pronta, ad aderire alle sanzioni dell’UE contro la Russia”. L’agenzia di stampa russa TASS ha riportato inoltre le parole con cui Terzic avrebbe suggerito alla Russia di prendere in considerazione una strategia per rendere la propria presenza nei Balcani “più organizzata – soprattutto in senso culturale e scientifico”.

“Effettivamente il soft power della Russia nei Balcani non è visibile”, sostiene Terzic, sottolineando che, d’altro canto, è osservabile nella regione una forte influenza delle corporazioni dei mezzi di comunicazione statunitensi e dell’emittente televisiva del Qatar Al Jazeera.

(b92, InSerbia, 21.11.2016)

¹Il 1º luglio 2016 il Consiglio dell’Unione Europea ha prorogato le sanzioni economiche riguardanti settori specifici dell’economia russa fino al 31 gennaio 2017. Introdotte inizialmente per un anno il 31 luglio 2014, in risposta alle azioni della Russia volte a destabilizzare la situazione in Ucraina, tali misure sono state poi rafforzate nel settembre 2014. Riguardano il settore finanziario, dell’energia, della difesa e dei beni a duplice uso.

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2016&mm=11&dd=21&nav_id=99746

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top