Territori e tradizioni da (ri)scoprire: la sfida vinta da Etnomreza

Agli inizi dell’avventura di Etnomreza, proteggere e promuovere la tradizione tessile artigianale serba poteva sembrare più un obiettivo per etnologi o per storici. Forse pochi avevano capito che la tessitura ha sempre consentito di intrecciare non solo fili, ma legami all’interno delle comunità e al loro esterno. Insegnare le tecniche tessili alle più giovani, comprare assieme gli strumenti e i filati, elaborare nuovi disegni, vendere assieme i risultati di questa collaborazione è stata per secoli una forma di scambio di conoscenza che creava amicizie, aiuto reciproco, rafforzava i legami tra le donne e la fiducia tra le famiglie, così accrescendo la capacità delle comunità locali di far fronte collettivamente a eventi infausti, come siccità e carestie, o anche di decidere come gestire le risorse del territorio.

Le consorti del Presidente della Serbia e della Repubblica Popolare di Cina, Tamara Vučić e Peng Lijuan, accompagnate da Violeta Jovanovič in occasione della loro visita all’esposizione di manufatti delle comunità di Etnomreza al Museo Nazionale di Belgrado.

Oggi, in un paese dove nel 2023, secondo i dati preliminari della Banca nazionale della Serbia, la Serbia ha generato entrate record dai turisti stranieri che ammontano a 2,5 miliardi di euro, con una crescita dell’80% rispetto al 2019, molti hanno finalmente capito che la tutela delle tradizioni artigianali locali è un elemento essenziale dell’offerta turistica di un territorio e i tessuti tradizionali riscoperti e diffusi da Etnomreza sono un orgoglio per l’intero paese, diventati dono cerimoniale per i più importanti ospiti del paese, come nel caso della recente visita della consorte del presidente cinese Xi Jin Ping, 

Quello che sembrava una passione personale di Violeta Jovanović, la fondatrice e presidente di Etnomreza, è diventata un elemento in cui si riconosce tutto il paese, con una comunità nazionale di tessitrici tradizionali che ha oggi raggiunto ventisei associazioni aderenti in tutto il territorio serbo, da Sombor a Pirot (tra le prime città ad aderire), da Novi Pazar a Kladovo, da Krusevac a Bela Palanka. E quelle che sembravano tradizioni spente ora sono attività vive, che attraggono sempre più l’interesse degli stranieri presenti in Serbia, interessati a conoscere l’intero paese e non solo la capitale, interessati non solo ad ammirare un paesaggio della campagna serba, ma a conoscerne l’architettura, i monumenti e i musei locali, i prodotti alimentari e artigianali e i loro produttori in persona, dialogare con essi, vivere davvero per un giorno o per un fine settimana quello che tanti paesi e città della Serbia possono offrire.

La neo Presidente della Provincia Autonoma di Vojvodina Maja Gojković nel corso della sua visita a Šid.

Anche nel caso dell’inaugurazione della colonia tessile di Šid, avvenuta venerdì 10 maggio alla presenza della presidente della Provincia Autonoma di Vojvodina Maja Gojkovic, l’occasione è stata quella di presentare raffinate tecniche di ricamo a mano: ricamo bianco e ricamo ruteno, che riflettono la ricchezza del patrimonio culturale delle persone che convivono in questa zona da secoli. Nel suo intervento la Presidente Gojkovic ha confermato il suo impegno per la salvaguardia e la promozione delle tradizioni e del turismo locale, anche attraverso progetti trasfrontalieri che la Vojvodina intende attivare con l’Ungheria, la Bosnia e la Croazia così che le tradizioni, la cultura, le persone, i produttori e le nuove iniziative di tanti territori ancora oggi misconosciuti potranno essere fruiti dai connazionali come anche dai tanti stranieri che sono intervenuti all’evento, all’interno della prospettiva di una Serbia che, fuori i confini della capitale, ha tanto da offrire a chi vuole conoscerla e che vuole fare della riscoperta delle sue tradizioni la chiave per affrontare la sfida dello sviluppo e del benessere anche nelle comunità rurali.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top